«….MA NON NE PROVAVANO VERGOGNA» (Gen 2, 25)

Paola Cavallari   –   (marzo 2015 – apparso sul sito di Esodo)

Chiese, anime, corpi: di donne e di uomini

“La chiesa … è l’unica istituzione che, se morissero tutte le donne, esisterebbe lo stesso”. (Ivana Ceresa)

“Quando leggo il catechismo del Concilio di Trento, mi sembra di non avere nulla in comune…Quando leggo il Nuovo Testamento, sento con una specie di certezza che questa fede è la mia… E’ come se nel tempo si fosse finito per considerare non più Gesù, ma la Chiesa, come Dio incarnato quaggiù. La metafora del ‘corpo mistico’ serve da ponte tra le due concezioni. Ma c’è una piccola differenza: mentre il Cristo era perfetto, la Chiesa è macchiata di numerosi crimini. La concezione tomistica della fede implica un ‘totalitarismo’ soffocante al pari o più di quello di Hitler”. (Simone Weil) Continua a leggere

L’autorità di coloro che soffrono

Sr. Martha Zechmeister, CJ
da: Unione internazionale delle superiore generali – www.uisg.org

Sr. Martha Zechmeister è nata nel 1956 in Austria ed è una religiosa della „Congregazione di Gesù“, fondata da Mary Ward. É docente di Teologia sistematica e direttrice del Master in Teologia Latino-americana presso l’Università del Centro America a San Salvador (El Salvador). Discorso fatto in apertura dell’incontro UISG (unione internazionale. delle superiore generali) del 3-7 maggio 2013 a Roma – Originale in Spagnolo

1. Dal potere oppressivo all’autorità liberatrice

Tentando una astrazione e una semplificazione quasi sovrumani, si potrebbe affermare, in generale, che esistono due tipi di governo, di esercizio della leadership, indipendentemente dal contesto, sia esso politico o ecclesiale, familiare o pubblico. Questi due tipi di governo possono essere definiti da due parole che hanno la loro origine nella politica romana: “potestas”, potere, da un lato, e “auctoritas”, autorità, dall’altro. Continua a leggere

IL FILO FILATO: significato della politica prima e quella seconda

Mira Furlani – Firenze

Fra gli articoli scritti su questo nostro blog mi ha fatto piacere leggere lo “svelamento” di una parte del lavoro che le donne di Padova, insieme al gruppo delle donne in cerchio di Roma, stanno progettando per il nostro convegno di Cattolica, svelamento incentrato sul filo del GOMITOLO.

Il documento che ci hanno inviato termina con le seguenti parole: …preparandoci all’incontro, continuiamo a tessere le nostre relazioni quotidiane, di prima o seconda politica, di basso o alto livello (chi può dire quale abbia il primato tra le due?) ricordando sempre di non escludere la peculiarità di un percorso che è stato altamente teorico ma che ha portato nelle nostre vite dei cambiamenti pratici e di significato”… Continua a leggere

C. Zamboni, Pensare in presenza. Conversazioni, luoghi, improvvisazioni, Liguori , Napoli 2009

Recensione di Angela Lamboglia – Genova

L’ultimo libro di Chiara Zamboni, Pensare in presenza. Conversazioni, luoghi, improvvisazioni, si interroga sulle forme e le qualità che caratterizzano il pensare oralmente insieme ad altri e su come questa pratica sia in grado di potenziare l’agire politico.

Il pensare con altre è stata e rimane una pratica fondamentale per le donne, condizione essenziale della rivoluzione femminista e del pensiero della differenza, ma anche in generale della capacità da parte della politica delle donne di introdurre una discontinuità rispetto al simbolico dominante, di mettere in discussione le rappresentazioni fornite dall’esterno, ricorrendo al partire da sé, affidandosi all’esperienza e al sentire propri e delle altre. Continua a leggere