Lettera pubblicata su Via Dogana n.106 – settembre 2013

Mira Furlani

Cara redazione,

alla discussione di BOCCIATI “Via Dogana 105”, Clara Jourdan mi ha fatto alcune domande riguardanti il movimento di cui faccio parte, in particolare mi ha chiesto se mi sento chiesa o meno. Ho risposto subito a voce, datemi l’opportunità di rispondere anche per iscritto, poiché alcuni interventi fatti in quell’occasione necessitano di un chiarimento: dire cioè “chi” siamo come movimento, o almeno, con meno presunzione, dire come io ho vissuto e vivo tale esperienza. Continua a leggere

2 Commenti alla lettera di Lea Melandri

Mira Furlani

22/9/2013

Vorrei aggiungere all’analisi di Lea, una riflessione, per me importante, circa “la poca conflittualità nella femminilizzazione della vita pubblica” e “sul pericolo che la complementarietà dei ruoli stia transitando dal privato al pubblico”.
Penso a quello che sta succedendo nella chiesa cattolica con l’attuale papa Francesco. Molte donne e uomini inneggiano a questo papa per la simpatia che sprigiona, per la sua pastorale evangelica, per le sue promesse riformatrici e liberatorie, per donne e uomini, credenti e non credenti. Continua a leggere

Lettera di Lea Melandri per Paestum 2013

Care amiche,

come temevo, per lo stato di temporanea immobilità a cui sono costretta per una caduta nel mese di agosto, non potrò essere con voi a Paestum. Inutile dire quanto mi addolora l’assenza da un incontro che ho desiderato, sostenuto e immaginato come una svolta verso percorsi più largamente condivisi – che non vuol dire unanimità, ma capacità di costruire relazioni tra donne di età, formazione culturale e politica diversa. Continua a leggere