Home Gruppi e Movimenti di Base MA COS’E’ LA CHIESA UNITARIANA?

MA COS’E’ LA CHIESA UNITARIANA?

di Gigi Ferraro
da La Strada, mensile del saluzzese, giugno 2010

Alcune domande a Ferenc Mikò, giovane segretario del vescovo unitariano della Tran­silvania, intervenuto al conve­gno di Saluzzo.

Ma cos’è la Chiesa Unita­riana?

È una Chiesa protestante ri­formata nata negli anni della Riforma in Transilvania dove vivono liberamente diverse religioni grazie all’editto reale proclamato nel 1568.

Voi avete una vostra orga­nizzazione?

La nostra organizzazione parte dal basso per arrivare verso l’alto. Prima di tutto ci sono i fedeli che scelgono i loro ministri e ogni congrega­zione è indipendente. I mini­stri nel corso di una assemblea eleggono i diaconi che a loro volta eleggono il vescovo. Tut­to è però molto democratico: i leaders sono affiancati da dei fratelli laici che hanno lo stes­so potere dei ministri: ogni co­munità è guidata su due piani quello laico e quello religioso che sono accomunati. Noi pensiamo che debbano essere i gruppi a guidare la Chiesa. È nel Sinodo che le decisioni de­vono essere prese.

Come sono organizzate le co­munità locali: c’è un pastore?

Sì. L’arcivescovo è eletto dai fratelli laici insieme ai dia­coni e ai ministri. Per gli uni­tariani il vescovo non è, come nella Chiesa cattolica, qualcu­no che ha autorità nei confron­ti dei sottoposti, ma è un po’ il portavoce nei confronti delle altre Chiese o del governo.

Quanti sono gli Unitariani in Transilvania?

Sono circa 65 mila persone; circa 130 comunità con 125 ministri, sei diaconi ed un ve­scovo.

Avete dei rapporti con le altre Chiese come quella Uni­tariana Ungherese?

Con la Chiesa Ungherese c’è un rapporto molto stret­to perché si tratta di persone emigrate dalla Transilvania.  La confessione è la stessa e in Ungheria sono pochi, circa 5-6 mila. C’è un movimen­to molto forte per unificare le due chiese. Soprattutto con gli ungheresi c’è uno scambio per ciò che riguarda la teologia, perché hanno pochi ministri che sono venuti a formrsi alla nostra scuola teologica. Ab­biamo rapporti non così stretti come con l’Ungheria, con le Chiese Unitariane degli Stati Uniti e dell’Inghilterra. Ogni congregazione Unitariana ha una congregazione gemella ne­gli Stati Uniti e Inghilterra con scambi, lettere, visite. Con le chiese Americane e inglesi lo scambio teologico è un po’ più difficoltoso.

Siete una realtà in espan­sione, avete giovani…

Nei villaggi piccoli l’età me­dia è abbastanza alta e la gente pratica di più. Molti giovani hanno abbandonato i piccoli villaggi per andare nelle città grandi dove l’età media è un po’ più bassa, ma i giovani non praticano così tanto. Dopo il crollo del regime comunista, dal 1989, molti hanno fatto il praticantato per fare i ministri. A livello di ministri la congre­gazione è abbastanza giovane e capita che siano più giovani i ministri dei fedeli. Sul tema ab­biamo porto a Roberto Rosso, ministro di culto della Chiesa Unitariana Italiana alcune ulte­riori domande.

Come si svolge la formazio­ne dei ministri?

Dipende dall’ episcopato di riferimento. In generale comunque vale la regola del con­senso dal basso. È la congrega­zione che si sceglie il proprio ministro. Tuttavia si tratta di una “scelta qualificata” ossia la congregazione può scegliere a suo piacimento in un novero di candidati approvati dal vesco­vo che abbiano: una laurea in teologia e o la frequenza “con profitto” di appositi seminari di storia-teologia unitariane messi a punto dall’episcopato stesso.  La nostra Chiesa dispone di un seminario in Transilvania.

Quali sono i rapporti con le altre Chiese?

Dal nostro punto di vista sia­mo apertissimi. Il nostro essere parte della grande corrente uni­versalista è la base della nostra apertura. Noi diciamo che il nostro Maestro, Gesù, abbia indicato una via, che noi abbiamo scelto per ragioni tra le più disparate (storiche, culturali, estetiche, casuali) ma accanto a queste vie siamo consapevoli che ce ne siano altre altrettanto degne, (tradizioni ebraiche, cristiane, musulmane, orientali, quante ne vuoi). Siamo tuttavia con­vinti che eventuali differenze siano solo sul lato più imme­diato e superficiale, siamo certi che a mano a mano che si pro­ceda nel cammino delle rispet­tive vie, vi sia una sostanziale convergenza verso una comu­ne origine.  In questo, va detto, troviamo più disponibilità al dialogo da parte di tradizioni più dissimili alla nostra. Tra i trinitari cristia­ni incontriamo più diffidenza e meno apertura all’ idea di inde­bolire la loro cristologia.

Cosa è per voi Gesù, cosa rappresenta?

Gesù è il nostro Maestro. Un uomo come noi, in tutto e per tutto, che tuttavia ha compiu­to e completato il cammino. Di questo suo cammino ha voluto rendere testimonianza nell’Evangelo, affinché questo possa essere un testo di forma­zione per discepoli sullo stesso cammino.  Riconosciamo a Gesù il ca­risma dell’unzione che ritro­viamo tra le righe di Matteo 26:6-13 come pratica comune nell’ ebraismo a sancire una particolare dignità spirituale del Rabbi (Maestro) in questio­ne. Per questo motivo, e solo per questo, possiamo dirci cri­stiani (formalmente solo dopo l’atto della cresima).

Come avviene il finanzia­mento dell’attività dei mini­stri?

Secondo l’episcopato transil­vano 1/3 viene conferito dallo Stato, attraverso un percorso analogo all’8 per mille (non so però quale sia la percentuale esatta); 1/3 viene conferito dal­la congregazione; 1/3 il mini­stro deve cercare di finanziarsi da solo. Siccome è formalmente proibito mischiare questioni di denaro con questioni religiose, ogni congregazione costituisce parallelamente una specie di piccola associazione di fedeli che si occupa di trovare fondi nelle maniere più disparate .  Il più delle volte sono gli stessi confratelli della congregazione che offrono al ministro piccoli lavoretti in modo da lasciargli abbastanza tempo libero per gestire la di­mensione cultuale della con­gregazione .

2 comments

Lia lunedì, 14 Aprile 2014 at 16:47

la chiesa che rappresenta meglio di tutte l’amore cristiano, che non ha mai perseguitato per motivi dogmatici o di potere nessuno

Reply
Rita mercoledì, 27 Maggio 2020 at 13:24

Vorrei saperne di piu e se vi e una congretazione a formia

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.