La donna nella chiesa: il gruppo donne cdb Pinerolo scrive….

LA NOSTRA PRATICA COMUNITARIA – a cura del Gruppo Donne della Comunità

 Abbiamo apprezzato il progetto e l’articolazione della proposta in tutte le sue parti, considerandola un punto di partenza importante perché aperta e in sintonia con gli interrogativi più radicali e profondi che le donne oggi si pongono fuori dalla chiesa come al suo interno. Essendo le donne una minoranza nel coordinamento del Chicco di Senape (5 donne e 21 uomini) deduciamo che la loro parola goda di notevole considerazione da parte maschile e che, alla luce del documento prodotto, gli uomini siano andati oltre la meraviglia e il silenzio dei discepoli nel racconto di Gv. 4,27, condividendo con loro parole e contenuti sorgivi di una realtà nuova. Continua a leggere

Convegno: La donna nella chiesa

chiccodisenape – Torino:  «Di che cosa parli con lei?»

Premessa

“chiccodisenape” è un progetto ecclesiale nato nel 2007. Nei nostri sei anni di attività abbiamo proposto due percorsi di riflessione tematica che hanno coinvolto 16 gruppi di diversa provenienza e missione ecclesiale, arrivati a quattro convegni –Vi ho chiamato amici (2008), Non sapete interpretare i segni dei tempi? (2010), A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio? (2011) ed Eucarestia e Chiesa di comunione (2012)- che hanno coinvolto altri amici e amiche intorno ad alcune questioni ritenute vitali per l’annuncio del Vangelo. Continua a leggere

Omaggio a Marija Gimbutas – Venti anni di studi sulla Dea

Carla Guidi

Roma, 9- 10 maggio 2014: convegno su Marija Gimbutas, una buona occasione per riconoscere quanto ogni donna debba alla cultura delle altre donne ed al contempo mostrare il peccato originale delle nostre società, o della maggior parte di esse, quando ancora scinde la cultura maschile da quella femminile.

Molto ci sarebbe da dire su Marija Gimbutas (Vilnius, 23 gennaio 1921 – Los Angeles, 2 febbraio 1994) archeologa e linguista lituana che studiò, con ricerche approfondite e sul campo, le culture del neolitico e dell’età del bronzo nella terra che lei rinominò “Europa Antica”, introducendo nuovi punti di vista nell’ambito dello studio della linguistica e nell’interpretazione della mitologia degli stessi reperti, reinterpretando la preistoria europea e proponendo assunti in contrasto con le tradizionali. Come professore di archeologia alla UCLA University, Marija Gimbutas diresse dal 1963 al 1989 i più importanti scavi dei siti del neolitico nell’Europa sud-orientale divenendo specialista di fama mondiale dell’età del bronzo indoeuropea, nonché del folklore lituano e della preistoria dei balti e degli slavi. Fu nel 1956 che Marija Gimbutas introdusse la sua “ipotesi kurgan”, questa ipotesi ed un atteggiamento multidisciplinare furono vincenti nel crearle una notevole attenzione da parte degli studiosi in questo ambito e poi di tutto il sistema culturale della ricerca storica ed archeologica. Continua a leggere