Home Politica e Società Italia in guerra, senza limiti

Italia in guerra, senza limiti

di Enrico Piovesana
da www.peacereporter.net

Da gennaio i soldati italiani in Afghanistan combatteranno davvero: non più solo sporadiche azioni difensive, ma anche offensive pianificate. E i nostri cacciabombardieri Tornado potranno anche effettuare i bombardamenti.
E’ questa, più che l’invio di rinforzi, la novità scaturita dalla visita romana del capo del Comando Centrale Usa, generale David Petraeus, venuto a ordinare un maggior impegno dell’Italia sul fronte afgano.

I 500 soldati in più di cui ha parlato il ministro della Difesa Ignazio La Russa (che porteranno il nostro contingente a un totale di 2.800 uomini) era già previsto da mesi allo scopo di creare un secondo Battle Group nel settore Ovest. Nelle prossime settimane il battaglione Feltre (Belluno) del 7° reggimento Alpini della brigata Julia andrà nella provincia ‘calda’ di Farah, a sostituire un battaglione di Marines Usa che finora ha combattuto i talebani nell’ambito della missione Enduring Freedom.

Il premier Silvio Berlusconi ha spiegato che con il generale Petraeus è stata decisa la rimozione dei caveat per consentire alle nostre truppe “di fare di più”. Visto che la restrizione dell’impiego fuori-area solo con preavviso di 72 ore è già stata tolta lo scorso giugno, l’unico limite operativo ancora esistente, e quindi rimovibile, è quello riguardante le regole d’ingaggio. Caduto anche questo, i due Battle Group italiani potranno essere liberamente usati per attaccare i talebani. E i nostri Tornado potranno anche effettuare bombardamenti.

Nonostante il testo del decreto-legge sulla ‘Proroga della partecipazione italiana a missioni internazionali’, approvato ieri in Consiglio dei Ministri, verrà reso pubblico solo il 30 dicembre, PeaceReporter ha scoperto che nel 2009 il costo della missione militare in Afghanistan subirà un incremento del 43 percento rispetto all’anno passato.

L’anno passato, per la partecipazione italiana alla guerra in Afghanistan, il governo aveva stanziato 337 milioni di euro (a cui si sono aggiunti altri 12 milioni di finanziamento-ponte lo scorso novembre), il che significa una spesa mensile di 28 milioni. Quest’anno, solo per i primi sei mesi, la cifra stanziata è di 242 milioni di euro, che vuol dire 40 milioni di euro al mese. Su scala annuale farebbe 484 milioni: 147 in più rispetto al 2008.

Le ragioni di questa impennata dei costi sono l’invio di quattro caccia-bombardieri Tornado del 6° stormo ‘Diavoli Rossi’ di Ghedi – che da sola costerà in un anno 52 milioni di euro – e di altri 500 soldati – il battaglione Feltre del 7° reggimento Alpini della brigata Julia, in partenza per la provincia ‘calda’ di Farah. Uomini e mezzi che, con la rimozione dei ‘caveat’ annunciata da Berlusconi, parteciperanno attivamente alla guerra contro i talebani.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.