Home Politica e Società EFFETTI COLLATERALI

EFFETTI COLLATERALI

Se Israele e Bush fomentano lo scontro di civiltà

di Luisa Morgantini

Incollati davanti ad Al Jaazera che trasmette le immagini delle distruzioni e del massacro che avviene nella striscia di Gaza, i palestinesi della Cisgiordania per non impazzire si fanno muro,
come quel muro dell’apartheid e dell’annessione coloniale che Israele continua a costruire con la solita arroganza e la certezza della sua impunità.

Sono rientrata ieri sera dalla Palestina e da Israele, ho accompagnato e organizzato un viaggio di conoscenza e solidarietà di un gruppo di 50 italiani di diverse località ed estrazioni sociali. Siamo stati a Jenin, nel campo profughi dove nel 2002 vi è stato un massacro, abbiamo incontrato Zakaria Zubeidi che ha lasciato le armi per una resistenza culturale e non violenta nel Freedom Theatre, deluso da Hamas e da Al Fatah, siamo stati a Tuwani, a Hebron, dove coloni fanatici tengono in ostaggio migliaia e migliaia di palestinesi, a Betlemme dove il muro taglia la città e i campi, a Gerusalemme Est dove Um Kamel è stata cacciata dalla sua casa per far posto a coloni ebrei che non sono sono sopravvissuti all’olocausto ma arrivano da Brooklin, sostenuti dai finanziamenti di organizzazioni estremiste ebraiche e dal Tribunale Israeliano.

Ovunque abbiamo trovato dolore, rabbia, ognuno di loro ci ha messo di fronte alle responsabilità della Comunità Internazionale, complice e inerte di fronte ai crimini dei governi israeliani. Ma abbiamo trovato anche determinazione a continuare a resistere quotidianamente e a non farsi distruggere nemmeno psicologicamente dall’ ingiustizia dell’occupazione.

L’autorità Palestinese dal giorno dei bombardamenti a Gaza ha dichiarato uno sciopero generale di tre giorni. Gerusalemme Est era deserta come nei giorni degli scioperi della prima Intifadah. Salam Fayyad, primo ministro, nell’incontro che abbiamo avuto ci ha chiesto di lavorare per il Cessate il fuoco immediato e ad impegnare l’ Unione Europea a sospendere il potenziamento delle relazioni e della Cooperazione con Israele.

Abbiamo partecipato a diverse manifestazioni in Palestina e Israele, a Ramallah, Jaffa, Gerusalemme. Purtroppo non manifestazioni di massa. A Ramallah la manifestazione più grande anche se con scontri tra Hamas e Fatah e la polizia palestinese che tentava di distruggere emblemi di Hamas e ad impedire scontri al check point di Beit El con i soldati israeliani.

Ma come diceva Nayla Ayesh di Gaza, rifugiata a Ramallah, “anche se con scontri almeno qui siamo tutti insieme”. A Jaffa vi erano i giovani e le giovani Refusnik, gli anarchici contro il muro, la coalizione delle donne per la pace, e in grande prevalenza giovani donne di origine palestinese, con slogan che mettevano in imbarazzo noi, gli israeliani e i palestinesi della sinistra. Infatti Allah Akbar – Allah è grande – era lo slogan più urlato.

Tante sono le iniziative in Israele dai Refusnik, ai poeti,, agli scrittori, ai combattenti per la pace, Tayyush, i partiti arabi in Israele, le donne per la pace, Gush Shalom ieri ha manifestato insieme a tanti altri gruppi a Tel Aviv.

Gli israeliani che manifestano sono davvero persone straordinarie, il fatto che non siano milioni di loro che inorridiscono di fronte alla persistente scelta militare di Israele non li rende meno importanti.
Gli intellettuali più conosciuti da noi comeAmos Oz a Yehoushua, continuano a svolgere un ruolo tragico, sempre a giustificare la necessità degli attacchi militari e a chiedere poi di fermarsi, come con la costruzione del muro. Peace Now, a partire dalla seconda Intifadah ha smesso di svolgere un ruolo di movimento e si è limitata a denunciare e a monitorare la crescita degli insediamenti.

Del resto anche in Europa, la consapevolezza che vi è tra la popolazione (malgrado la manipolazione dei media) della disparità tra i bombardamenti e i rockets non si traduce in mobilitazione di massa. Le più grandi manifestazioni si sono tenute in Francia, Belgio e Gran Bretagna dove numerose sono le comunità arabe e musulmane e come a Jaffa gli slogan che risuonavano di più erano quelli di “Allah Akbar”.

Nulla ovviamente contro chi crede in Allah, ma dà il segno di come dalle guerre preventive di Bush alla non soluzione del diritto dei palestinesi ad un loro stato, sia cresciuto lo “scontro di civiltà” e di come un conflitto come quello palestinese israeliano, che è per la sovranità nazionale contro la colonizzazione dei territori occupati nel 1967 abitati non solo da musulmani ma da cristiani, armeni, circassi, atei, agnostici, sempre di più viene fatto apparire come scontro tra islamici fondamentalisti e il “mondo libero”. E’ il messaggio che porta Tzipi Livni quando visita i nostri paesi.

Intanto i sondaggi in Israele rivelano che Ehud Barak senza fare campagna elettorale è cresciuto nelle preferenze. Noi dovremo mobilitarci anche per riuscire a portare Barak, Livni e altri davanti alla Corte Internazionale di Giustizia. Ma ora soprattutto per il Cessate il Fuoco subito, per la fine dell’assedio e il blocco degli insediamenti. Che si fermino i bombardamenti a Gaza e i rockets su sraele. Che non vi siano altre vite perse siano essi palestinesi o israeliani.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.