Home Politica e Società Tutti i pericoli dell’idolatria biologica

Tutti i pericoli dell’idolatria biologica

di Maria Bonafede – Moderatora della Tavola Valdese e Metodista
da www.liberazione.it

A poche ore dalla morte di Eluana la tentazione sarebbe quella di tacere, raccogliere le idee e – per
chi come me crede nella vita eterna alla luce di Dio – pregare. Tuttavia questi non possono essere
soltanto i giorni della preghiera: la lezione del caso Englaro ci dimostra quanto sia importante ed
urgente definire una norma certa e condivisa sul testamento biologico, che eviti ed impedisca che
attorno al letto di un malato terminale si scateni il circo politico-mediatico che abbiamo visto in
questi giorni. Di fronte al dolore ed al dramma di una persona, in questo caso – così come era
accaduto per Pier Giorgio Welby – la politica ha dato il peggio di sé, ricomponendo e allargando il
partito degli atei devoti da una parte e allargando l’influenza politica dei vertici cattolici dall’altro.
Nei giorni scorsi abbiamo sperimentato la violenza dei simboli ed il corpo sofferente di Eluana si è
trasformato nell’icona della battaglia per la vita contro la cultura della morte. In questa
polarizzazione lo spazio della compassione, del rispetto e della laicità si è ridotto ai minimi termini,
ed è stato garantito soltanto – lo affermo con convinzione – dall’iniziativa del Capo dello Stato che
ha saputo tutelare l’autonomia della magistratura e la laicità delle istituzioni evidentemente pressato
dall’iniziativa della Cei e del Vaticano.
Ci auguriamo che nei prossimi giorni il confronto sul testamento biologico abbia toni meno
virulenti e ideologici; osiamo sperare che, in un clima di maggior rispetto reciproco, si evitino le
deliranti accuse di “omicidio” a chi difende le ragioni di una morte nella dignità, senza accanimenti
terapeutici anche mascherati e senza la sofferenza che una certa tradizione teologica intende
imporre nel nome del valore assoluto della vita. Lo speriamo e, come valdesi e metodisti, lavoriamo
in questo senso. Siamo una chiesa e non un partito politico: per questo non sta a noi proporre
disegni di legge o interferire con il processo legislativo. Siamo però una voce della società italiana,
una storica componente della sua cultura e della sua articolazione religiosa.
E, in questo spirito, sentiamo nostro pieno diritto richiamare a beneficio dei partiti e dei legislatori,
che nei prossimi giorni discuteranno la legge sul testamento biologico, tre principi fondamentali. Il
primo è quello di laicità. L’Italia non è uno stato etico, non ha una “religione ufficiale” legittimata
ad imporre valori e norme universali. La legge, pertanto, non potrà essere la traduzione giuridica di
un magistero ecclesiale, ma dovrà necessariamente essere la risultante di un libero confronto tra
diverse visioni del mondo, della vita e della morte, e pertanto – ecco il secondo principio – dovrà
assumere la pluralità di visioni teologiche e non, che si esprimono nella società italiana. Tra le altre
vi è anche quella dei Valdesi e dei Metodisti per i quali la vita è un dono e una grazia di Dio, che si
vive nella relazione con il prossimo e con il Signore che ci ha creati. Ma la vita biologica – un cuore
che pulsa in un corpo spento e mantenuto vitale solo con degli artifici – è un’altra cosa. Come per
noi un ovulo fecondato è un’altra cosa rispetto ad un feto, e un feto al terzo mese è cosa diversa da
un feto al quinto o da un bambino nato.
Insomma, da credenti sentiamo il pericolo di un’idolatria biologica che finisce per essere
strettamente apparentata all’accanimento terapeutico e al rifiuto di ogni legislazione sull’interruzione
di gravidanza. Nei giorni scorsi questa nostra posizione ha avuto pochissimi spazi per esprimersi.
Nessun conduttore di talk show, nessun direttore di tg, nessun editorialista ha pensato di richiamarla
e valorizzarla. Nello schema bipolare della cultura e della politica italiana – laici e cattolici – non
sembra esserci spazio per dei cristiani diversi, che oltre a confessare Gesù Cristo si dichiarano
anche convintamene laici.
Il terzo principio che voglio richiamare è quello della libertà di coscienza. Quando si legifera su
quello spazio eccezionalmente sensibile che sta tra la vita e la morte, ogni norma deve ammettere
una “riserva etica”. Riconoscere la libertà di disporre un testamento biologico che respinge terapie
invasive e ogni forma d’accanimento terapeutico non significa che si debba necessariamente agire in
questa direzione. Questo vale per chi farà il testamento biologico ma anche per i familiari che, in
assenza di un’esplicita volontà del malato, dovranno decidere per lui; così come per il personale
sanitario che dovrà eseguire le volontà testamentarie. Come accade per l’aborto la possibilità di
abortire non significa che si debba necessariamente farlo. E proprio in questo spazio ristretto – tra la
disponibilità di una norma e la libera scelta individuale – il cristiano può rendere la sua
testimonianza per la vita. Per affermare i suoi valori non ha bisogno dello scudo della legge, ma
solo della forza disarmata della sua fede.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.