Home Politica e Società Il 19 settembre: il giorno in cui ciascuno farà la differenza

Il 19 settembre: il giorno in cui ciascuno farà la differenza

(seguono link ad articoli, commenti, adesioni dal sito Articolo21 aggiornati quotidianamente)

di Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della pace
da www.articolo21.info

Ci sono momenti in cui bisogna essere presenti. In prima persona. Ci sono momenti in cui se decidi di restare a casa o scegli di fare altro ti assumi una grande responsabilità. Sono i momenti in cui si rende necessaria una mobilitazione vasta delle persone, della gente, dei cittadini e non solo dei più accorti. Sono i momenti difficili in cui è indispensabile una reazione forte, civile, estesa. Sono i momenti in cui, davanti ad una grande minaccia, bisogna vincere ogni scetticismo e riscoprire il potere vitale della partecipazione personale. Sono i momenti in cui, letteralmente, ogni persona può fare la differenza.

La manifestazione che si terrà a Roma sabato 19 settembre per la libertà d’informazione è uno di questi momenti.

La libera comunicazione dei pensieri e delle opinioni è uno dei diritti più preziosi dell’uomo e noi lo stiamo perdendo senza reagire. Se fossimo sul punto di perdere i soldi in banca, la casa o il lavoro ci scateneremmo senza batter ciglio. Ma se qualcuno ci impedisce di conoscere, di capire o di parlare ci limitiamo a borbottare. Non è per caso che siamo giunti a questo punto. Perché davanti alla lunga sequenza di attacchi a giornalisti e giornali, di illegalità, di abusi e di manipolazioni che hanno stravolto il sistema italiano dell’informazione e il servizio pubblico radiotelevisivo non c’è stata un’adeguata reazione politica, culturale e sociale.

Per questo, la manifestazione del 19 settembre è estremamente importante (e dobbiamo essere grati alla Federazione Nazionale della Stampa, ad Articolo 21 e a tutti quelli che l’hanno promossa). Perché deve scuotere chi ancora dorme. Perché deve spingere i responsabili della politica e delle istituzioni ad intervenire efficacemente, a fare quello che non hanno ancora fatto in difesa della Costituzione, della legalità e dei nostri fondamentali diritti. Perché deve segnare in ciascuno di noi un cambio di mentalità e una nuova assunzione di responsabilità.

Il problema non è solo difendere i giornalisti e i giornali sotto attacco per non aver accettato il guinzaglio, ma difendere il nostro diritto di parlare e di essere ascoltati, di operare e di non essere oscurati, di informare e di essere informati.

La manifestazione del 19 non è per qualcuno. E’ per tutti noi. E anche per gli altri. Ci sono persone, popoli, problemi, tragedie umane, guerre, conflitti, ma anche storie positive, idee, valori, progetti e proposte che non passano attraverso un mondo mediatico che li oscura e li cestina sistematicamente. Non passano e non passeranno fino a che ci limiteremo a brontolare.

Lo stesso discorso vale anche per la Rai. Noi abbiamo il diritto di avere un servizio pubblico radiotelevisivo degno del nome che porta, un servizio pubblico di qualità, aperto e plurale, attento alla vita delle persone e alla realtà del mondo, aperto ai costruttori di pace, di giustizia e di speranza e non solo ai killer e agli illusionisti, ai mercanti di menzogne e finzioni. E’ un nostro diritto. Nessuno ce lo può togliere. Ma nessuno lo riconoscerà se non saremo noi ad esigerlo.

Diamoci da fare. Non ci saranno altri tempi supplementari. Il 19 settembre è ora.

|

VIENI IN MANIFESTAZIONE IL 19 E PRENOTA LA TUA MAGLIETTA DELLA LIBERTA’. E SE NON PUOI VENIRE PUOI ORDINARE LO STESSO LA MAGLIETTA

LASCIATE UN MESSAGGIO DOPO IL SEGNALE ACUSTICO. 3457736046, IL 19 CI SARÒ PERCHÈ… – di Giorgio Santelli

IL 19 PER LA LIBERTA’ DI INFORMAZIONE… ANCHE DALLA POLITICA- di Stefano Trasatti

Il 19 ci sarò per chiedere ai media di non abbandonare L’Aquila  di Stefania Pezzopane

Il 19 in piazza. Per mio padre e per coloro che scelsero di stare dalla parte della libertà di Bice Biagi

LA SORDINA E IL BASTONE- di Roberto Morrione

CARI GIORNALISTI, TIRIAMO FUORI LE UNGHIE, SE ANCORA LE ABBIAMO – di Maurizio Blasi

VERSO IL 19: FRA DIRITTI DEI CITTADINI E VOLGARITA’ DELLA POLITICA- di Giorgio Tonelli

L’ADESIONE DI OSSIGENO PER L’INFORMAZIONE

LE ADESIONI DELLE “VOCI” ANTIMAFIA –  di Liberainformazione

ADESIONE DEL CENTRO PIO LA TORRE

C’ERA UNA VOLTA UN RE – di Andrea Melodia

ANNAVIVA SI PROPONE COME CAPOFILA MILANESE DELLA MANIFESTAZIONE

CONTRO GLI STUPRATORI DELL’ARTICOLO 21- di Giovanni Panunzio

Da Venezia il mondo del cinema dice sì alla manifestazione del 19 a Roma

Il 19 a Roma dovrà essere la manifestazione di “tutti” i difensori della Costituzione – di Beppe Giulietti

Andrea Olivero: “Le ACLI aderiscono alla manifestazione. Libertà a rischio”

TUTTI IN PIAZZA CON UN EURO, CONTRO IL BAVAGLIO ALL’INFORMAZIONE – di Federico Orlando

CLICCA QUI E FIRMA L’APPELLO PER L’ARTICOLO21 DELLA COSTITUZIONE

“IO CI SARO’ PERCHE'”: DITECI PERCHE’ SARETE IL 19 IN PIAZZA A ROMA – di Stefano Corradino

IN PIAZZA PER LA LIBERTÀ DI INFORMAZIONE E I DIRITTI UMANI – di Antonella Napoli

LA RETE ADERISCE ALLA MANIFESTAZIONE – di Rete degli Studenti medi

BERLUSCONI E L’INFORMAZIONE? E’ SEMPRE LO STESSO, QUELLO DELLA LOGGIA P2 – di Paolo Ferrero

L’INFORMAZIONE NON SI FA METTERE IL GUINZAGLIO: SABATO 19 SETTEMBRE MANIFESTAZIONE A ROMA- di FNSI

PUÒ ESSERE VERAMENTE LIBERA UNA SOCIETÀ CHE MORTIFICA NOTIZIE E DOMANDE?- di Claudio Valeri

CGIL PRONTA A MOBILITARSI PER LA LIBERTÀ DI INFORMAZIONE- di Fulvio Fammoni

SU FACEBOOK ARTICOLO 21 LANCIA IL GRUPPO “IL 19 TUTTI A ROMA PER LA LIBERTA’ DI INFORMAZIONE

LE PREADESIONI DELLA RETE SI RACCOLGONO SULL’EVENTO LANCIATO DA FACEBOOK

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.