Home LGBTQ: fede, diritti, lotta all'omofobia Lettera alla Chiesa in Italia

Lettera alla Chiesa in Italia

di Associazione Liberamentenoi
da www.liberamentenoi.it

Noi sorelle e fratelli della Chiesa Cristiana Cattolica che è in Italia siamo sconvolti dalla gestione, copertura e omertà delle Congregazioni Vaticane rispetto ai casi di pedofilia di sacerdoti,religiosi e religiose. Sta esplodendo una rabbia, una delusione, un distacco e un odio in tutto il nostro Paese e nei Paesi colpiti da queste violenze a danno proprio dei più piccoli. Sentimenti giusti, condivisibili che purtroppo creano discredito e lontanza da Gesù Cristo e dal suo Vangelo.

Care sorelle e fratelli,
sono tempi bui per la chiesa di Gesù, per le singole persone, per le comunità, per coloro che sono chiamati al ruolo di pastori. L’assalto è sotto gli occhi di tutte e di tutti. Ma anche la solidarità di molti non è venuta a mancare verso le vittime di questi giorni.

Purtroppo sempre meno, in questo periodo di schizzofrenia, si muovono sulla via del Vangelo.
Ogni giorno nuovi casi , nuove accuse, nuove guerre, e nuovi difensori, mossi da obiettivi nascosti.

Ascolta Chiesa!
Ti chiediamo, come parte dell’unico popolo di Dio, in spirito di amore, di fraternità, ma soprattutto di correzione fraterna di cambiare passo.Gli atti pedofili non sono solo peccati, ma reati. Coloro che hanno commesso violenza non sono solo dei peccatori, ma dei criminali agli occhi di tutti noi e soprattutto della giustizia.
Basta con i segreti. Basta con le coperture. Basta con l’insabbiamento!

Ascolta Chiesa!
Siate puri come le colombe: denunciate per spirito d’amore chi ha commesso abusi, ma nello stesso tempo non lasciateli soli, diventate loro compagni di viaggio nell’esperienza giusta e buia del carcere.

Ascolta Chiesa!

Non tacere, è forse un segno del soffio dello Spirito il clima che si respira oggi!
Non fermarlo, denuncia, rompi il velo di omertà e non tacere.

Ascolta Chiesa!
Chiedete a gran voce che i reati di cui membri di questo popolo si sono macchiati, non siano prescritti.
Chiedetelo per amore della verità, per amore della giustizia, per amore dei piccoli che vi sono stati affidati. Per amore del Vangelo. Chiedete la fine della convivenza, dell’omertà, anche d’amore verso i vostri confratelli. L’omertà è contraria al Vangelo. Ma chiedetelo soprattutto per essere fedeli al messaggio di giustizia del Cristo.

Ascolta Chiesa!
L’ossessione sessuofobica dei ministri e del magistero della chiesa ha portato a questa situazione. Le condanne, i ripetuti NO agli amori di coppia, omosessuale o prematrimoniale, ad una sessualità responsabile e matura. Meravigliatevi delle nuove creazioni di amore di Dio, non ossessionatevi: se il Creatore fa nuove tutte le cose e queste sono “cose buone”.

Ascolta Chiesa!
Cambiate passo: il diritto canonico, gli atti ufficiali sono carta straccia rispetto al messaggio evangelico. Tornate alla prassi del Cristo, rispetto alla prassi del diritto canonico.

Ascolta Chiesa!
La luce splende tra le tenebre, non deve lottare, non le combatte, le basta brillare. Questo è il tuo compito Chiesa. Invece di sbraitare, accusare, fai brillare la luce dell’amore e della misericordia per ogni creatura, per ogni donna e ogni uomo.

Chiesa , popolo di Dio in cammino, che stai in Italia riconciliati con le vittime dei tuoi pastori, riconciliati con le donne e gli uomini vittime di violenze e sorprusi.
Abbi il coraggio della trasparenza, della limpidezza. Vinci la paura e distruggi il muro omertoso delle tue stanze. Prendi il coraggio dell’amore e della giustizia e ricomincia a camminare accanto alle donne e agli uomini delle beatitudini.
Un Amore, che non mira a convertire, ma ad ASCOLTARE.
Mostra il volto del Dio di Amore, il Dio di cui ti dichiari figlia e sposa. Fa tua la prassi della trasparenza, del rispetto, della denuncia, ma soprattutto della giustizia.

Apriti al soffio dello Spirito che soffia dentro le nostre comunità e ci chiama ad una Chiesa altra.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.