Home Chiese e Religioni La “teocrazia debole” di Ratzinger, una minaccia per la democrazia.

La “teocrazia debole” di Ratzinger, una minaccia per la democrazia.

di Paolo Flores d’Arcais
da www.repubblica.it, 12 maggio 2010

Joaquìn Navarro-Valls ha pubblicamente confessato il programma di “teocrazia debole” che la Chiesa gerarchica di Karol Wojtyla prima, e quella di Joseph Ratzinger oggi, stanno tenacemente perseguendo. Con esiti fin qui fallimentari nel mondo, ma di peculiare successo nella “eccezione” Italia. Non meraviglia perciò che l’ articolo dell’ ex portavoce di Giovanni Paolo II, ancora oggi autorevolissimo nell’ esprimere umori e “desiderata” della Chiesa vaticana, prenda le mosse proprio dall’ apologia del “caso italiano”, osannato perché «è veramente considerevole il ruolo assunto dalla religione» nel dibattito (e soprattutto nella realtà del potere, ma su questo Navarro-Valls sorvola), per cui «l’ enorme complessità e originalità di questo Paese» (cioè le macerie morali e materiali a cui l’ ha ridotto il berlusconismo) «costituisce una ricchezza stimolante che altrove manca del tutto».

All’ ex portavoce di Wojtyla l’ Italia appare dunque il luogo provvidenziale in cui sperimentare l’ obiettivo che il cattolicesimo gerarchico ha scelto come stella polare: «Una democrazia deve riconoscere il valore di verità, naturale e generale, della religiosità umana, considerandolo un diritto comune, indispensabile cioè per il bene di tutti». Papale papale. Con questa logica, però, l’ateo, lo scettico, il miscredente, insomma il cittadino che non si riconosca in alcuna “religiosità umana”, verrebbe irrimediabilmente colpito da ostracismo, e declassato a cittadino di serie B. Il suo ateismo, infatti, non solo non troverebbe posto in questo discriminatorio “diritto comune”, ma verrebbe implicitamente tacciato di essere contrario al “bene di tutti”.

Tanto perché non ci siano equivoci, infatti, Navarro-Valls aggiunge che «non è possibile, in effetti, escludere il valore politico e solidale della religione senza estromettere, al contempo, anche la giustizia dalle leggi dello Stato». E perché mai? Veramente Thomas Jefferson, eminente padre della democrazia americana – paese sempre citato come eden di libertà fondata su una religiosità onnipervasiva – , garantiva l’ opposto: «Il manto della protezione costituzionale copre il giudeo e il gentile, il cristiano e il maomettano, l’ indù e il miscredente di ogni genere» proprio perché la Costituzione «ha eretto un muro di separazione tra Chiesa e Stato». Wojtyla e Ratzinger hanno invece sistematicamente gettato l’ anatema su ogni versione di «libera Chiesa in libero Stato». Una legge che prescinda dalla religione avrebbe niente meno che «estromesso la giustizia», riassume con precisione Navarro-Valls, renderebbe illegittima la democrazia trasformandola in un vaso di iniquità.

È esattamente quanto sostenne Papa Wojtyla di fronte al primo parlamento polacco democraticamente eletto, se la maggioranza parlamentare avesse promulgato una legge sull’ aborto difforme dal diktat della morale vaticana. In perfetta sintonia papale la conclusione di Navarro-Valls: «La consapevolezza democratica di base» deve riconoscere che «la religione è un valore umano fondamentale e inevitabile, il quale deve essere valorizzato e garantito legalmente nella sua rilevanza pubblica» (sottolineatura mia). Con l’ aggiunta finale di un criptico ma inquietante «a prescindere dal resto».

E invece no, dal “resto” non si può affatto prescindere. Perché il “resto” è che la democrazia si fonda sull’ autos nomos di tutti i cittadini, singolarmente e collettivamente presi. Nella democrazia sono i cittadini che «si danno da sé la legge». E nessun altro prima o sopra di loro. Se i cittadini non potessero decidere la legge liberamente, ma obbedire a una legge già data (dall’ Alto, dall’ Altro), non sarebbero sovrani, «per la contraddizion che nol consente», secondo un padre Dante molto tomistico e che quindi dovrebbe andar bene anche a Navarro-Valls.

Che la giustizia secondo il dettame della religione diventi tassativa e vincolante per la democrazia significa espropriare il cittadino della sovranità e riconsegnarla a Dio. Tecnicamente si chiama alienazione: alienare i famosi diritti inalienabili. Alienazione che coincide con l’ annientamento stesso della democrazia. Insomma e senza perifrasi: la sovranità di Dio è incompatibile con la sovranità dell’ uomo, in cui consiste la democrazia. Dovrebbe essere una ovvietà, da oltre un paio di secoli. Ma nell’ italica «ricchezza stimolante che altrove manca del tutto» tutto è invece permesso. E sia.

Quale Dio, però? Il Dio cristiano dei valdesi – compassionevole – riconosce ai suoi figli il diritto all’ eutanasia, quello di Ratzinger – gelido – lo nega, quello di Küng (cristiano cattolico come Ratzinger) di nuovo lo consente, il Dio dei “Testimoni di Geova” proibisce ogni trasfusione di sangue anche a costo della vita, il Dio di altri (sempre lo stesso, perché l’ Uno) esige invece mutilazioni sessuali per le bambine. E si potrebbe continuare. Quale di queste incompatibili verità dovrà assumere lo Stato nella sua legge, per ottemperare alla pretesa di Navarro-Valls di «concepire la religione come un valore assoluto»?

Senza dimenticare che a pretendere che sia fatta la volontà di Dio, anziché quella democratica dei cittadini, c’è poi sempre in agguato un “Gott mit uns” che battezzerà di giustizia religiosa ogni terrena efferatezza. Naturalmente, in una democrazia liberale i cittadini non possono stabilire per legge “qualsiasi cosa”, neppure con maggioranze plebiscitarie. Ma il limite all’ esercizio della loro autonomia è la loro autonomia stessa, non un’ eteronoma volontà di Dio (magari agghindata da “legge naturale”). Che è poi la volontà di chi pretende di conoscere la volontà di Dio e parlare in suo nome (in psichiatria si chiama delirio di onnipotenza).

Non si possono, a maggioranza, violare i diritti individuali sulla vita, la libertà, eccetera, di ciascuno, perché del ciascuno si distruggerebbe o amputerebbe la sovranità, dunque l’ autonomia. Dio e la religione, come si vede, non c’ entrano un bel nulla. L’ anti-relativismo della democrazia sta tutto e solo nel comune riconoscimento – interiorizzato come ethos repubblicano – delle inalienabili libertà di ciascuno (fino a che non violano identica libertà altrui: dalla vignetta blasfema all’ eutanasia, esattamente come non si proibisce la superstizione della Sindone o la sofferenza terminale volontaria). “Religiosità” civile, se si vuole. Che la “teocrazia debole” di Ratzinger e Navarro-Valls pretende invece di sovvertire.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.