Home Comunità Cristiane di Base COMUNICATO STAMPA – Giovanni Franzoni sulla destinazione universale dei beni comuni

COMUNICATO STAMPA – Giovanni Franzoni sulla destinazione universale dei beni comuni

La sera del 9 febbraio a Roma, nell’ambito del cantiere di pace del Cipax su “I beni comuni, via alla ‘Pace Giusta’”, Giovanni Franzoni, dopo una riflessione biblica della Pastora Silvia Rapisarda, ha parlato della destinazione universale dei beni comuni.

Tra l’altro ha affermato “in questo incontro ritengo importante dedicare la riflessione ai beni definiti globali (global common goods). Beni non controllati da diritti degli stati sovrani o dalla proprietà privata.

Non è facile l’elencazione di questi beni ma fra essi emergono:
– lo spazio esterno alle aree destinate al volo o alle zone intersatellitari, addirittura, lo spazio (deep space);
– i fondali marini con le loro risorse minerarie oltre la piattaforma intercontinentale;
– l’Antartide;
– la “conoscenza” con le sue applicazioni (brevetti).

Non è ancora definita con chiarezza la titolarità su questi beni comuni, l’utilizzo dei quali è affidata attualmente solo a convenzioni internazionali sovente non ratificate da tutti i paesi delle Nazioni Unite.

Dal punto di vista religioso esiste un certo fondamento sia per quanto riguarda le culture orientali sia per quanto riguarda il pensiero ebraico-cristiano; sia nella Bibbia come nel Corano l’universo è concepito come opera del creatore affidata, dietro il mito di Adamo, alla umanità.

Resta scoperta la motivazione di un titolo dell’umanità sui beni comuni dell’universo che sia nettamente laico.

Nel vuoto lasciato dal diritto internazionale, vige ancora il principio del diritto romano “res nullius est primi occupantis”, la cosa che non è di alcuno è del primo occupante. Nel diritto romano il proprietario di una terra era anche proprietario di un sottosuolo e dello spazio superiore “ab imis usque ad siderea”. Questo principio, considerato dai giuristi attualmente come del tutto desueto, viene peraltro ancora utilizzato nei dibattiti negli organismi delle Nazioni Unite. In realtà questo principio trova un suo fondamento nei comportamenti animali e anche in molti modi di agire della specie umana: nel corso dell’evoluzione, le specie più forti si sono spesso impadronite con la violenza delle risorse e pur considerando questo diritto fondato sulla rapina con titoli come diffusione della pace, diffusione della civiltà o addirittura diffusione della vera religione, pare ancora convalidare la mentalità della prevalenza del diritto del più forte.

Il mio intervento, che parte da un approccio religioso al tema, ma che richiede con forza una motivazione laica e una attenzione da parte della comunità politica e scientifica.

L’unica traccia che ho trovato tra i giuristi statunitensi – Everet Marko – è quello di studiare il common heritage come titolo per la salvaguardia e l’utilizzo dei beni comuni in favore dell’umanità intera e particolarmente di paesi in difficoltà di sviluppo.

La società attualmente in possesso di saperi e applicazioni scientifiche di altissimo livello dipendono comunque da una evoluzione della conoscenza, il merito della quale è comunque dell’umanità intera.”

Come per le precedenti relazioni, la trascrizione completa dell’incontro e il cd audio della registrazione possono essere richiesti presso la sede del Cipax e saranno a breve disponibili sul sito internet www.cipax-roma.it.

Il prossimo incontro si terrà con la presenza del Prof. Riccardo Petrella, l’8 marzo 2012 presso i locali della Comunità di Base di San Paolo in Via Ostiense 152 dalle ore 18:30.

——————————————
CIPAX – Centro interconfessionale per la pace
VIA OSTIENSE 152/b
00154 Roma
Tel/Fax: 06-57287347
nuovo indirizzo e-mail: info@cipax-roma.it

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.