Home Gruppi e Movimenti di Base Parliamo di genere di L.Menapace

Parliamo di genere di L.Menapace

Lidia Menapace

Le donne sono più degli uomini fino dalla prima votazione dopo la fine della seconda guerra mondiale: ma lasciamo perdere, eravamo “impreparate”; chissà gli uomini che preparazione si erano fatti sotto il fascismo, che avevano eletto con la legge Acerbo! ma lasciamo perdere.

Abbiamo aggiornato i numeri con l’ultimo censimento reso noto da pochi mesi e valido fino alla fine del 2011, dunque freschissimo. Risulta che le cittadine italiane sono circa due milioni più dei cittadini e fermiamoci qui, a numeri approssimati per difetto.

Abbiamo appena votato per un cospicuo numero di sedi amministrative e si fa un gran discutere sulle conseguenze. Le votazioni avvengono nei seggi per genere, ci sono cabine per gli uomini e cabine per le donne, come anche elenchi divisi per genere, sicchè una cosa facilissima è fare le somme di quanti uomini hanno votato e quante donne e anche vedere, con una piccola operazione delle proporzioni, che si imparava in quarta elementare (x sta a y come ecc.) Risultati se l’astensione delle donne è maggiore di quella che già si deve dare per scontata, dato il maggior mumero di donne. Nessuna di queste notizie ci è stata data. Non interessa sapere che le donne non contano, fino al punto che non si contano nemmeno?

Certamente pretendere di sapere quante erano le candidate e quante le elette sarebbe davvero troppo. Il linguaggio inclusivo è ignoto alla televisione di stato. IIlustri giornaliste sproloquiano interi pomeriggi e una serata senza che la parola donna esca loro di bocca. Vorrei ciononostante sapere quante erano le candidate e quante le elette e persino quante siano le sindache.

E adesso si “rimedierà” cooptando nelle giunte le donne che non disturbano? E chi farà questo, sia di destra, centrodestra, centro, centrosinistra, sinistra, presidenzialista o parlamentarista, vicitore o battuto pretende di essere “democratiico”? non esiste una questione della rappresentanza delle cittadne? rimane intatto e rispettato più della virtù delle madri la regola dettata da grammatici dell’ Umanesimo che decretarono: In italiano nelle concordanze “prevale il maschile come genere più nobile”? “Ma perchè le donne non protestarono?” chiedono virtuosamente i democratici:” Erano analfabete e non furono interpellate”. Siamo ancora un genere un po’ ignobile e una magistrata può essere presa in giro nelle serate di bungabunga e questo non è offesa? Che bel paese per le donne!

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.