Home Europa e Mondo La favola del piccolo Hollande che salvò i negretti dall’orco

La favola del piccolo Hollande che salvò i negretti dall’orco

Karim Metref
http://karim-metref.over-blog.org

Ecco. Fatto! Svanita anche la speranza Hollande. É vero che la classe politica mondiale, quella che dirige, o almeno fa finta di dirigere, questo mondo, non assomiglia tanto ad una riviera di diamanti. Anzi dall’odore che emana dalle sue azioni si avvicina più al letamaio. Eppure di ‘fior’, a dispetto del poeta, da questo letamaio velenoso della politica, non ne vengono fuori mai, ma mai. Nemmeno una. Ogni tanto ci sembra di scorgere un germoglio ma poi va a finire sempre nel marciume più assoluto. Eppure rimane tutto un popolo di sinistra che continua ad andare a votare con la speranza di cambiare le cose. Ci ha creduto in Zapatero, quel popolo. E questo ha svenduto il suo paese alla finanza e al cemento. Poi ha creduto ancora più saldamente in Obama. Oh sììì… Quanto ci hanno creduto in Obama! Era nero, bello, giovane. Sapeva parlare. Mamma mia, come sapeva parlare. Incarnava nella sua storia personale il percorso, le sofferenze e i sogni di milioni di neri. Di tutti i popoli oppressi. Di tutti noi!

Poi quando anche lui, come tutti, ha cominciato a macellare pezzi di terzo mondo per darli in pasto alle lobby, l”hanno lasciato da parte per seguire altre speranze. Ultima tra queste speranze… lui: François Hollande!

Con il suo fisico da uomo qualsiasi, la sua faccia da postino buono. Con i suoi occhi dolci, che si inumidivano quando lanciava i suoi slogan. Con le sue parole coraggiose, sembrava il piccolo sarto della fiaba che va a caccia di giganti. Lavoratori, giovani, donne, immigrati, “blancs, blacks, beurs”, come si dice oltralpe, gay, pacifisti… Tutti ad abbracciarsi e a congratularsi doipo la vittoria. Il demonio Sarkozy è sconfitto. Vedrete che grandi cambiamenti adesso!

Ed eccoli qui i cambiamenti arrivare. Aveva promesso di riportare la crescita durante la sua campagna elettorale (quella maledetta crescita che fa sognare tutti ma poi frega tutti) senza mai precisare come. “Avrà nel sacco qualche piano innovativo?”, ci si chiedeva. Ed ecco che questi giorni arriva la risposta. Sì! Un piano, il buon François ce l’ha, di sicuro. Ma niente di molto innovativo. Si tratta della buona vecchia ricetta delle guerre coloniali. Ricetta che, si sa, alla Francia ha portato tanta, ma tanta crescita.

Se Sarkozy ha bombardato la Libia solo poche ore dopo una risoluzione dell’ONU che ne ipotizzava la possibilità, Hollande si lancia contro i gihadisti in Nord Mali senza l’ombra di un mandato internazionale e senza nemmeno consultare i suoi alleati. Il Sahel è zona sotto controllo francese e l’uomo che poche settimane fa andava ad Algeri a scusarsi per i crimini del colonialismo, ci tiene a sottolinearlo a colpi di missili aria-terra. Quelle scuse e quelle lacrime di coccodrillo ad Algeri, dunque, erano solo la moneta di scambio contro il nullaosta di Algeri per quest’attacco. Che grande giocatore, il piccolo François!

La fiaba infinita e lo spaventapopoli

Bisogna dire, però, che tutto il merito non è suo. Il cibo gli è stato ben preparato da prima, lui adesso deve solo masticare e buttare giù.

C’è stata tutta la cultura delle guerre umanitarie coltivata con cura e forza fertilizzanti mediatici. C’è stato il recupero politico-mediatico-militare delle rivolte dei giovani arabi. Un lavoro da orafo. C’è stata la riconquista della libia da parte del suo predecessore e degli alleati. C’è stata la costruzione di una galassia di gruppi armati di criminali, trafficanti, barbuti che sono genericamente definiti come Al Qaeda e che sono certe volte definiti come alleato strategico -vedere alla voce guerra in Bosnia, Kossovo, Libia e Siria- e certe altre come nemico perfetto quello da combattere a tutti i costi e che serve a giustificare interventi armati, guerre umanitarie, uccisioni preventive, bombardamenti a tappeto… Lo spauracchio ideale. Lo spaventapopoli per antonomasia. Se non dormite chiamo Al Qaeda, dice mamma stato.

Ma le altre mamme, poi alla fine, se il bambino rifiuta di dormire non chiamano mai il lupo cattivo o l’orco mangia bambini. Mentre le mafie/governi che gestiscono ormai questo nostro mondo, se un popolo rifiuta di dormire, loro chiamano per davvero lo spaventapopoli, l’orco Al Qaeda. E come per magia il paese diventa un pullulare di barbuti armati che sparano e sgozzano tutto quello che si muove.

«Da dove arrivano? Come fanno ad avere le quantità ingenti di denaro e armamenti che sfoggiano ovunque?», chiede il popolino impaurito.

«E’ perchè l’Orcomaggiore, il capo di tutti gli orchi, un tale Binladen, è miliardario, e tiene tantissimi soldi nei paradisi fiscali.» , rispondono le mammine con la loro voce più soave, la stampa.

«Cosa sono i paradisi fiscali, mamma? Chi li ha creati, l’orco Binladen? Perché papà NATO che combatte i cattivi ovunque non li bombarda questi paradisi fiscali?

“Adesso basta con le domande! Chiudi gli occhi e fai la nanna e basta.”

Peccato che le mammine non vogliono raccontarci come mai che, oggi che l’Orcomaggiore è ufficialmente morto, i barbuti continuano ad essere sempre più ricchi. Come mai che prima dell’inizio delle rivolte arabe erano quasi scomparsi. Non se ne parlava quasi più. E che improvvisamente hanno ricominciato a proliferare come blatte in un ambiente caldo e umido.

Il nemico perfetto, anzi l’alleato…

Anzi, con la guerra in Libia si è riscoperto un legame che non si ammetteva più dai tempi della guerra d’Afghanistan. La prima. Quella con i russi.

Agosto del 2011, la città di Tripoli è presa d’assalto da un vero e proprio esercito uscito dal nulla. Le milizie di Jebel Nefusa. Alla testa di queste milizie un veterano dell’Afghanistan, Abdelhakim Belhadj.

Il “Comandante Hakim”, come lo chiamano con affetto i suoi uomini, è un vecchio amico degli USA e della NATO in quanto combattente in Afghanistan con … Al Qaeda. Poi dopo l’11 settembre diventò ufficialmente nemico della Nato-USA e fu arrestato e trasferito a Guantanamo, in quanto militante di … AlQaeda. Poi di nuovo è ridiventato amico della Nato-USA in quanto oppositore contro Gheddafi e militante di… Al Qaeda. E così fu armato e finanziato per instaurare la democrazia, che lui considera una eresia. Semplice, no?

Belhadj è entrato a Tripoli alla testa di un folto gruppo di giovani, armati e addestrati da militari USA e con le tasche piene di soldi del Qattar e dell’Arabia Saudita. Attualmente è l’uomo forte di Tripoli e, oltre a mandare i suoi giovani a instaurare la democrazia anche in Siria, fa di questa città il nuovo Eldorado dei Gihadisti di ogni dove. Non a caso, secondo alcuni reparti dei servizi segreti algerini (e attraverso il giornale Liberté vicinissimo ad alcuni dei generali più potenti di Algeri) sostengono che la riunione per l’attacco contro la base BP di In Amenas si è tenuta proprio lì, a Tripoli.

Altro legame con la “primavera araba” si trova nell’improvvisa proliferazione di gruppi armati barbuti. Fino all’inizio delle rivolte dei giovani nei paesi arabi, Al Qaeda nel Maghreb Islamico (AQMI per gli amici) era una piccola banda di criminali. Schegge residue della sporca guerra algerina degli anni 90 mescolate ai trafficanti del deserto. Praticavano un po’ (anzi tanto) traffico di tutto quello che si può trafficare, e ogni tanto quando qualcuno aveva bisogno dei loro servizi o quando si presentava l’occasione rapivano qualche turista o operatore umanitario per mettere un po’ di carne sul fuoco dei media.

Si sa che se massacri un intero villaggio di maliani o di mauritani, al limite ottieni qualche riga di lancio dell’AFP che andrà a perdersi tra tante informazioni molto più importanti, come il numero di contatti sul clip-video di Gagnam Style e l’ultima torta da 2 tonnellate iscritta al Guiness dei record.

Se invece becchi un qualsiasi testa di min… con il passaporto giusto, intanto fai la prima su tutti i giornali del mondo, poi becchi tanti di quei soldi che ti bastano per vivere da nababbo per anni.

Il business era fiorente, droga, armi, esseri umani. Di disperati da trafficare nella zona non mancano e di persone sequestrabili bastava beccarne qualcuna/o ogni tanto.

I governi dell’area sono tutti corruttibili a piacere. Con gli eserciti si facevano buoni affari. E a tutti faceva piacere questa presenza. Ai regimi per chiudere ogni spazio di libertà; agli eserciti per chiedere sempre più soldi, mezzi e poteri; alle potenze occidentali per giustificare una futura invasione di questa vasta parte dell’Africa che, quasi ormai unica al mondo, è priva di basi militari Nato; per creare e rafforzare cose tipo l’Africa Corp, per allargare le basi militari intorno al mediterraneo -vedere Dal Molin e compagnia bella- per comprare e vendere un mucchio di armi… Insomma per la buona salute del business della guerra.

Era la dolce vita per tutti

Ma ecco che appena cominciano le rivolte arabe, che presto contagiano anche altre parti del mondo, i gruppi armati nel deserto diventano molti di più. Gli Aqmi non si contano più. Poi c’è il Mujao, che molti chiamano organizzazione di narco-terroristi. Poi c’è Iyad Ag Ghali un ex combattente per la liberazione dell’Azawad, all’epoca in cui la Francia sosteneva e manipolava il movimento Tuareg, poi ex funzionario dello stato maliano e ex diplomatico nei paesi del golfo. Poi alla fine del 2011, si lascia crescere la barba, si orna con un nome di guerra: Abū al-Faḍl , e lancia il suo movimento: Ansar Al Islam, che un po’ si avvicina All’Aqmi e vuole istaurare la Sharia, un po’ fa l’occhiolino al Movimento di liberazione dell’Azawad e dice di non essere amico di Al Qaeda e dei terroristi…

Tutti questi gruppi si animano nello stesso tempo. All’improvviso arrivano uomini, mezzi e petrodollari da tutte le parti. E ben presto quella area vastissima che è ai limiti sud del Sahara diventa un vero e proprio nido di vipere.

Chi lo vuole un Azawad libero?

Ma le connessioni, con il fenomeno del risveglio delle coscienze nel mondo arabo, e oltre, non finiscono qui. Chi conosce bene la zona lo vede chiaramente che i gruppi armati sono arrivati per temprare una rivolta del popolo tuareg che rischiava di contaminare altre nazioni e altre popolazioni della zona. In un articolo precedente ho raccontato come i guerriglieri del Movimento di Liberazione dell’Azawad siano tornati dalla Libia, dopo anni di esilio, con armi e bagagli e si ritrovano a conquistare quasi senza combattimento un paese dove l’esercito si era trasformato in una banda di trafficanti-estorsori che è scappato via dalle caserme ai primi spari.

Quella della liberazione dell’Azawad era in qualche modo una delle vittorie dei popoli nelle rivolte degli ultimi anni. Quelli del Movimento Nazionale di Liberazione dell’Azawad sono militanti laici e non alleati con nessuno. Che siano indipendenti, o a dirla tutta non sostenuti da nessuno, lo dimostra la loro estrema povertà. Nel verbale dell’ultima assemblea generale ordinaria il MNLA scrive: « Considerando le disfunzioni dovute al carattere etnico e tribale dell’esercito del MNLA e al fatto che che la quasi totalità del materiale e armamento militare appartiene a certi combattenti . »

Un movimento senza mezzi ma ancora pieno di ideali che raccomanda di superare lo «sfruttamento abusivo della diversità etnica e tribale della nostra popolazione opponendole le une alle altre fin dall’era coloniale. » e chiama al «rafforzamento della coesione sociale tramite incontri inter e intra-comunitari e insiste sulla necessità di preservare i legami storici tra le nostre comunità.» (leggere il comunicato- fr).

Niente quindi a che fare con le orde di banditi e mercenari più o meno integralisti e più o meno gihadisti con i quali la stampa internazionale li ha sempre mescolati, come fossero un tutt’uno.

Un movimento che, dal 14 dicembre scorso dopo un incontro ospitato nella capitale Abuja e mediato dal presidente della repubblica Federale del Nigeria, Goodluck Jonathan, ha accettato di entrare in negoziazione con il governo del Mali e di contribuire alla lotta «contro i gruppi armati di terroristi e di narcotrafficanti.» (comunicato N° 43 del Comitato Transitorio dello Stato dell’Azawad -CTEA – fr )

Le vie per un isolamento progressivo delle forze integraliste e criminali c’erano. Una via mediata, negoziata tra le componenti della società maliana e i loro vicini diretti (che certo nemmeno loro sono degli angeli). Una via che avrebbe ridatto dignità sia al Nord che al Sud del Mali.

Dopo Benalì anche Traore? Mais non alors!

Perché allora la Francia si è affrettata di colpire, senza chiedere il parere di nessuno? Perché l’anticolonialista Hollande ha mandato con tanta leggerezza i suoi Para a fare pulizia nel paese del Sahel?

Hollande dice che è il presidente ad interim Dioncounda Traoré che lo ha sollecitato ufficialmente. Che bella la solidarietà internazionale! Che bello lo spirito di sacrificio con cui la madre Francia manda i suoi soldatini bianchi a morire per salvare dei poveri negretti…

Invece la stampa locale racconta un’altra storia , storia confermata tra altro dalla radio Voice of America (dico bene, Voice of America, la radio ufficiale del governo statunitense) ci racconta che il governo ad interim era in difficoltà non tanto per l’avanzata delle milizie gihadiste ma soprattutto per la rivolta popolare in corso a Bamako. Rivolta che l’ha portato alla chiusura di tutte le scuole e ad uno stato di quasi coprifuoco. Una specie di mini primavera nell’inverno di Bamako .

Potrebbe essere questa la causa della fretta del caro François? Sarkozy non ha reagito abbastanza velocemente per salvare l’amico Ben Ali e oggi il governo della Tunisia sono altri ad averlo in tasca. Allora il nostro Hollande si da da fare per non far perdere alla Francia (o almeno alle sue multinazionali) un altro governo “amico”.

Comunque c’è il fatto che i militari Francesi presidiano già la sicurezza dei giacimenti di Uranio nel Nord del Niger, rafforzare una presenza militare (che non se ne andrà via domani mattina. Scommettiamo?) anche nel Nord Mali permette a “Marianne” di partire con un bel po’ di anticipo sulla perfida Albione, sullo zio Sam e su tutti gli altri nella corsa al controllo della regione e delle sue infinite risorse naturali. Bel colpo del bravo piccolo sarto, no? Et vive la République!

PS. Nei prossimi giorni tenterò di raccontarvi l’assalto alla base di In Amenas. Spero di riuscire ad uscire sano di mente dal groviglio di versioni contradittorie che stanno spuntando come funghi dopo la pioggia.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.