Home Politica e Società La presidente della repubblica? di M.Lanfranco

La presidente della repubblica? di M.Lanfranco

Monica Lanfranco

Gli anni di attivismo femminista mi hanno rafforzata nell’opinione che è necessario dire forte e chiaro, soprattutto a chi si affaccia con occhi e mente più giovane alla società e all’impegno, che NON basta essere dentro ad un corpo sessuato per garantire una visione e uno sguardo alternativo al dominio, al potere e al patriarcato. Non basta essere gay per empatizzare con la differenza e il disagio (il leader olandese xenofobo Pim Fortuyn, ucciso qualche anno fa, era gay); non basta il colore della pelle per stare dalla parte dei deboli (Condoleeza Rice era nera), non basta essere donna per sentire sulla pelle l’urgenza di laicità e uguaglianza (l’on. Binetti, l’on Santanchè sono donne, e mi fermo solo per motivi di spazio).

Quando serve, sia dentro che fuori le vicende elettorali, si tirano in ballo le donne per creare consenso e, a intervalli regolari, nascono e muoiono timide candidature per le alte cariche dello stato.

In un paese dove da oltre 30 anni non si riesce ad approvare una legge che consenta di default l’attribuzione anche del cognome materno alle nuove e ai nuovi nati, e nel quale il patriarcalismo è ancora così radicato, anche a sinistra, tanto che ancora non si vede la luce per chi, omosessuale, voglia sposarsi, fa sorridere che proprio verso al fine della campagna elettorale si tiri fuori dal cappello la proposta di una donna Presidente della Repubblica,come di recente ha fatto l’ex premier Monti.

Due delle madri del percorso antifascista, Tina Anselmi e Lidia Menapace, non hanno mai sfiorato la candidatura a senatrici a vita, e per le più giovani e autorevoli, come Emma Bonino e Rosi Bindi è mancato, e manca tuttora, un consenso radicato e forte dentro il Parlamento e tra le stesse forze dell’arco progressista. Siamo lontanissime dalla Finlandia, dove nel 2000 Tarja Talonen è diventata Presidente, per non parlare dell’Islanda, dove a capo del governo c’è Johanna Sigurdardottir, lesbica dichiarata.

Quando viene bene in Italia germoglia un certo interesse focalizzato sul generico ’ascolto’ delle donne, che però non entra nel merito delle questioni di fondo: ci si limita a dire che il genere femminile va valorizzato, ma non si sa perchè e su quali presupposti di contenuto e di programma, di visione globale e particolare.

A me cittadina ed elettrice è sufficiente il generico essere di una donna una mia simile perchè io possa affidarle un mandato sui miei interessi e bisogni politici? E chi invoca oggi una donna alla carica di Presidente lo fa perchè convintamente persuaso che il cambiamento di genere, nel simbolico di una carica così significativa, è sintomo della necessità di spazzare via il primato maschile nell’esercizio del potere? Il 50 e 50 nella rappresentanza, ci insegnano le donne dei paesi nordici e anche alcune esperienze africane, non basta a garantire equità e pari opportunità, perchè da sempre nella storia le donne sono state formidabili alleate del potere, e gli uomini di potere hanno usato a loro favore la connivenza di alcune per rafforzare il dominio.

Una donna, sì. La Presidente: sarebbe bellissimo. Ma non una donna purchessia. Una donna che incarni, sostenga e rappresenti la storia della rivoluzione più grande che l’umanità abbia vissuto: quella della conquista della libertà e autodeterminazione femminile. Ragioniamo su questo, ricordando, come sosteneva Rosa Luxemburg, che chiamare le cose con il loro nome è il primo gesto rivoluzionario.

——————————————————————

Le donne, ovvero una presidente della Repubblica?

Elisabetta Teghil
dalla mailinglist “sommosse”

Negli anni ’70 ,alcune in buona fede, altre in cattiva, sostenevano che l’entrata delle donne nelle istituzioni avrebbe modificato queste positivamente .L’esperienza ci ha insegnato che non è andata così: le donne nelle istituzioni si sono messe, insieme ai maschi, al servizio del sistema.

La soluzione non è certo rifiutare l’emancipazione, le donne fanno e devono fare, se vogliono, qualunque lavoro e lo fanno bene e male come i maschi, ma non hanno portato e non possono portare nelle istituzioni nessun cambiamento e il giudizio politico su quello che fanno è giusto, doveroso, auspicabile e necessario. L’emancipazione, da cui, comunque, non si dovrebbe tornare indietro, non solo non cambia la società, ma quando diventa un fine e non un mezzo, non aiuta, anzi è di ostacolo alla liberazione delle donne.

Il percorso emancipatorio fatto proprio, come fine e non come mezzo, dalle componenti vincenti del femminismo degli anni ’70 ha stravolto il percorso di liberazione, confondendo piani che avrebbero dovuto essere solo strumentali, con piani di rottura con l’ordine sessista e classista stabilito, riportando la lotta femminista a modalità funzionali a questo sistema. Anzi, facendone un fiore all’occhiello del sistema stesso.

Abbiamo assistito alla svendita dei percorsi femministi e del termine stesso di femminismo. L’emancipazione è stata uno strumento di “pacificazione sociale tra i sessi”, per cui se le giovanissime sentono la parola femminismo, fanno un salto indietro e dicono di essere libere di decidere della propria vita perché possono prendere e/o lasciare un ragazzo quando vogliono, fare tardi la sera senza problemi e prendere la pillola.

Il percorso emancipatorio, così come si è realizzato, ha portato tante donne a legarsi profondamente con la struttura di potere e a diventare attive componenti dell’oppressione sulle altre donne: magistrate-poliziotte-giornaliste-docenti-controllore-vigilesse-mediche-assistenti sociali-soldate….e via andare, sono più realiste del re e attive nel mantenimento dei sistemi di controllo. E, ieri, l’ex presidente del consiglio Monti ha auspicato una donna presidente della repubblica.

L’uso strumentale dell’oppressione di genere ha portato alla sola creazione di percorsi privilegiati (quote rosa, utilitaristiche pari opportunità……) che hanno stravolto e screditato, nel comune sentire, la parola femminismo. Si è persa volutamente ogni lettura di classe, inserendo le donne in una indistinta moltitudine che, a tutti i livelli, dovrebbe essere gratificata per le conquiste ottenute.

Per questo, questa società ed i suoi alfieri socialdemocratici e riformisti, sono, al di là delle belle parole, contro le donne ed il femminismo. Ne deriva la necessità imprescindibile per il femminismo di uno smascheramento e di una presa di distanza da tutto questo e che le nostre lotte siano autodeterminate e autorganizzate. L’autonomia non è altro che il riconoscimento dei propri desideri e la presa in carico della possibilità di realizzarli.

1 comment

gianfranco Monaca mercoledì, 27 Febbraio 2013 at 08:35

proposta di candidatura a presidente della repubblica: Margherita Hack
Cordialmente
gm

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.