Home Comunità Cristiane di Base Testimonianza evangelica di un povero parroco di Palma Campania

Testimonianza evangelica di un povero parroco di Palma Campania

Comunità di Base “Mater Dei” di Palma Campania
|

“SE QUESTO E’ ESSERE CREDENTE IN CRISTO”

1) Essere “Pastore di anime ed avere l’odore delle proprie pecore”: Pierino l’ha fatto.

2) Dialogare con il proprio Vescovo nella carità e con spirito di obbedienza, ma anche con franchezza e fermezza quando la legge morale non è liberatrice e c’è da difendere il primato dell’uomo su di essa: Pierino l’ha fatto.

3) Essere coerente tra l’annuncio del Vangelo predicato dall’altare ed il proprio stile di vita condotto per le case e le strade del paese: Pierino l’ha fatto.

4) Liberare l’uomo da ogni forma di servilismo e di paura: economica, sociale, politica ma, soprattutto, morale e religiosa: Pierino l’ha fatto.

5) Fare riappropriare il credente della Parola di Dio, educandolo ad ascoltare ed a manifestare ciò che lo Spirito Santo suggerisce ad ognuno nella lettura del Vangelo: Pierino l’ha fatto.

6) Responsabilizzare il fedele nell’amministrazione dei sacramenti, rifiutandoli in caso di loro riduzione a pura cerimonia, o cedimento al consumismo: Pierino l’ha fatto.

7) Non porre alcuna condizione nell’amministrare l’olio santo agli infermi, o distribuire Gesù eucaristico a chiunque, per significare che Dio, in qualsiasi momento, è soltanto misericordia verso tutti: Pierino l’ha fatto.

8) Esortare i fedeli a non accorrere al Tempio per biascicarvi monotone preghiere, ma di preoccuparsi di trasformare anzitutto le proprie case in un luogo sacro di condivisione fraterna tra parenti ed amici: Pierino l’ha fatto.

9) Ritirarsi, senza alcuna remora, dagli impegni ministeriali, al compimento del 75° anno di età, così come prescrivono le norme canoniche, a dimostrazione di non essere attaccato al potere, ma di essere semplicemente un servo non più utile a Dio ed ai fratelli in Cristo nel ministero parrocchiale: Pierino l’ha fatto.

10) Anteporre le esigenze materiali e spirituali dei propri parrocchiani a quelle personali o familiari: Pierino l’ha fatto.

11) Rimboccarsi le maniche tra i terremotati del Bellunese per liberare fattivamente le strade dalle macerie, piuttosto che, come prete ivi presente al momento della tragedia, limitarsi a pregare Dio di avere pietà degli sventurati: Pierino l’ha fatto.

12) Preoccuparsi nel periodo del terremoto a Palma, perché fossero riparate prima le case della gente e poi i muri della chiesa di “Mater Dei”, per significare che il vero tempio di Dio è innanzitutto il corpo dell’uomo: Pierino l’ha fatto.

13) Utilizzare la bicicletta come piccolo ma tangibile segno di condivisione dei molteplici disagi che gli operai incontrano sul posto di lavoro: Pierino l’ha fatto.

14) Non avere la certezza di potersi preparare un piatto caldo a pranzo ed a cena, accontentandosi di consumare, eventualmente, gli avanzi dei giorni precedenti senza drammatizzare, in sintonia con quanti patiscono la fame nel mondo: Pierino l’ha fatto.

15) Difendere il povero in nome della persona umana in quanto tale, senza allearsi con i potenti e svendere la propria ed altrui dignità con il ricorso al diabolico sistema delle raccomandazioni: Pierino l’ha fatto.

16) Rispettare la natura e gustarla con equilibrio nei suoi elementi primordiali: acqua, aria, terra e fuoco, evitando ogni forma di inquinamento: Pierino l’ha fatto.

17) Lottare per i diritti civili democraticamente votati, a dimostrazione che il problema non è quello di rendere felice Dio, ma di far vivere sereno l’uomo: Pierino l’ha fatto.

18) Allestire nella parrocchia un angolo per una piccola falegnameria, una piccola tipografia e fondare anche una corale polifonica, sia per obbedire al comando di Dio di far fruttificare i propri talenti e sia, nei limiti del possibile, per venire incontro ai bisogni più spiccioli e quotidiani della gente, quando non si possono risolvere i problemi più grandi: Pierino l’ha fatto.

19) Tenere sempre aperte le porte della canonica per la preoccupazione che qualche sventurato potesse aver bisogno anche di quel poco che si ha: Pierino l’ha fatto.

20) Accettare come dono di Dio tutto quello che viene offerto dagli altri e servirsene come occasione per ricordare a se stessi i propri limiti, o come mezzo per far risplendere la bontà e la grandezza altrui: Pierino l’ha fatto.

21) Assolvere i peccati degli altri ma, nello stesso tempo, chiedere anche perdono dei propri errori, per ricordare a se stessi che su questa terra non esistono da una parte solo innocenti e, dall’altra parte solo peccatori, ma tutti quanti siamo fragili creature, bisognosi gli uni degli altri, come pure della misericordia di Dio: Pierino l’ha fatto.

22) Tramandare ai posteri, non solo con le parole e con l’esempio della propria vita, ma anche con la composizione di opuscoletti, la fede della piccola comunità pensante ed orante di appartenenza, a dimostrazione concreta della dignità regale, sacerdotale e profetica del Popolo di Dio: Pierino l’ha fatto.

23) Non giudicare nessuno e cercare anche nelle persone più cattive quel poco di buono che sicuramente c’è in tutti: Pierino l’ha fatto.

24) Non coltivare sogni carri eristici e rifiutare qualsiasi titolo onorifico, per la sincera convinzione che veramente il Maestro è uno solo, Gesù: Pierino l’ha fatto.

25) Possedere lo stretto necessario per ogni capo di vestiario, in modo da garantire soltanto la decenza e vivere povero tra i poveri: Pierino l’ha fatto.

26) Ospitare, senza nulla pretendere, gli extra-comunitari anche se di religione diversa da quella cristiana e spendere tutte le proprie energie fisiche per gli altri, fino al rischio della propria salute: Pierino l’ha fatto.

27) Compiere opere di carità senza nulla togliere ai fedeli, ma provvedere solo con i propri risparmi, fino ad indebitarsi per i più bisognosi: Pierino l’ha fatto.

28) Accettare la vecchiaia e le sofferenze o le umiliazioni ad essa connesse, con serenità e con la convinzione che quando un povero parroco ha fatto il proprio tempo fra gli uomini, si deve “ritirare sul monte” per dedicarsi esclusivamente alla preghiera verso Dio e verso la Madre celeste: Pierino l’ha fatto.

29) Terminare la propria vita con lo stesso abbandono fiducioso di un figlio tra le braccia di Dio Padre, dopo averlo servito nelle persone più piccole: Pierino l’ha fatto.

SE QUESTO E’ ESSERE CREDENTE IN CRISTO: PIERINO LO E’ STATO.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.