Home LGBTQ: fede, diritti, lotta all'omofobia Libertà di espressione e omofobia

Libertà di espressione e omofobia

Enzo Cucco, presidente Associazione radicale certi diritti
http://gayindependent.blogspot.it/

Non è una novità che l’unico (ma proprio l’unico) argomento che il fronte italiano del NO agita contro una legge su omofobia e transfobia sia quello della difesa della libertà di espressione. Di gran moda tra i vaticanofili, sulle prime pagine dei giornali cattolici e del centro destra, sostenuto da squinternate note di giuristi e pensatori d’area, ha già ricevuto e riceverà senz’altro ulteriore luce dai fuochi d’artificio retorici che il trio dell’apocalisse Ferrara/Della Loggia/Roccella, sparearà da ogni predellino mediatico possibile.

La cosa di cui non mi capacito è l’inconsistenza del fronte del SI a rispondere ad un tale, per certi versi molto insidioso, argomento. Quando in questi mesi mi è capitato di concionare sull’assenza di strategia condivisa mi riferivo proprio a questo: nessuno ha pensato di anticipare gli argomenti del fronte del NO (era facilissimo) lavorarci sopra per destrutturarli sul piano della razionalità e della fondatezza, magari mobilitare giuristi e studiosi su questo tema e lavorare con parlamentari e giornalisti perchè sappiano di quale materia incandescente e illusionistica si parla quando si accusa la legge in discussione alla Camera di ledere la libertà di espressione.

Andiamo per ordine, magari facendo qualche esempio: come è noto il tentativo in atto è quello di estendere la cosiddetta Legge Mancino ai casi di omotrafsobia. C’è una logica in questo percorso: la legge Mancino è l’unico strumento paragonabile a quanto l’Europa ci chiede in materia di crimini d’odio, e quindi estenderla ha un senso. Noi avremmo preferito riscriverla tutta (cioè aggiornarla) e prendere in considerazione tutti i crimini d’odio, rivedendo e rilanciando l’attività di prevenzione. Ma così non si è voluto.

Il punto che ci riguarda sta soprattutto nell’applicazione dell’articolo 1 della stessa Legge, che modifica l’art. 3 della precedente Legge del 1975 (Ratifica della Convenzione internazionale di tutte le forme di discriminazione razziale). In particolare il comma a) dispone la reclusione sino a tre anni per “chi diffonde in qualsiasi modo idee fondate sulla superiorità o l’odio razziale o etnico, ovvero incita a commettere o commete atti di discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi”. Questi reati sono perseguibili d’ufficio. Sul comma b) dello stesso articolo nessuno solleva questioni (spero…) perchè è quello che prevede l’incitamento a commettere atti di violenza.

Ora il fronte del NO sostiene che se questa norma venisse semplicemente estesa alle questioni connesse con orientamento sessuale e identità di genere provocherebbe la potenziale incriminazione di coloro che pensano che il matrimonio gay non si deve fare. O di coloro che pensano che l’omosessualità sia un peccato, o una malattia.

Facciamo qualche esempio per intenderci meglio: se io dchiarassi pubblicamente “morte ai froci” o “deportateli tutti” questo sicuramente ricadrebbe tra quanto la legge definisce incitamento alle discriminazioni o alla violenza. Se io insultassi una persona, pubblicamente o no, usando i soliti epiteti antiomosessuali NON avrebbe nulla a che fare con questa legge, ma con il codice penale, punto e basta. Altra cosa è a manifestazione di un pensiero politico, sociale, anche culturale, che non sia direttamente connesso all’incitazione di un atto di discriminazione o violenza, come potrebbe essere il manifestarsi contrari al matrimonio egualitario: questo NON è e NON potrà mai essere oggetto di questa legge. Per il semplice fatto che siamo in un ambito completamente diverso, che è quello del libero manifestarsi di posizioni politiche e sociali.

Faccio un altro esempio: ci sono alcune persone, anche in Italia, che sostengono che l’AIDS non esiste. Questa affermazione, sul piano scientifico, è deleteria e pericolosa esattamente come quella di chi continua a credere l’omosessualità una malattia. Eppure nessuno in Italia può impedire di esprimersi in questo modo, ma può (anzi dovrebbe secondo me) intervenire laddove chi affermi queste stupidaggini svolga un ruolo di rilievo pubblico o addirittura di servizio pubblico. Uno psicologo che pensi che l’AIDS non esiste e che svolge la sua attività con persone con Hiv (tanto per fare un esempio) è un pericolo concreto, e gli organi preposti alla professione, o alla tutela delle persone malate, farebbero bene a intervenire. In altre parole: la libertà di espressione esiste, anche per coloro che dicono stupidaggini. Sono le loro azioni ad essere censurabili. Ma quando si parla di interessi collettivi, e di diritti individuali, il piano del dibattito cambia, e se il discorso pubblico è connesso alla discriminazione ed alla violenza esso non può essere consentito.

Perchè, in fondo, la questione è tutta qui: nel nostro Paese ci sono persone, forze sociali, istituzioni, che ritengono che il proprio pensiero personale in merito alla vita sessuale delle persone non debba essere penalmente perseguibile. Sul fatto che non lo debba essere sulpiano generale siamo tutti d’accordo, ma se questo lede la mia immagine o i miei diritti io devo avere gli strumenti per potermi difendere. poi magari decido di non usarli, ma li devo poter avere, se no èsopruso bello e buono. Guarda caso tutti coloro che ripetono il mantra della liberta di espressione sono le stesse persone che masticano amaro quando gli si ricorda che i diritti delle persone lgbt sono semplicemente e nulla di più che diritti umani, e come tali devono essere trattati.

Diciamoci la verità: è ancora socialmente ammissibile che ci sia qualcuno che consideri malati gli omosessuali, che li derida pubblicamente affermando che non possono fare famiglia, che di fatto chiede l’annullamento delle proprie relazioni soprattutto quelle filiali. Al massimo basta una risata per costoro, senza nemmeno prendere in considerazione cosa queste parole rappresentano e sostengono. E la resistenza prodotta contro l’estensione della Mancino è direttamente proporzionale alla pervicace diffusione di queste idee.

Controprova? Nessuno chiede di cancellare il comma a) per motivi razziali. Perchè? Perchè socialmente è riprovevole e negativo manifestare pensieri razzisti, ed è soprattutto condiviso. Per l’omosessualità non è così.

In più nessuno riflette a sufficienza sulla sostanziale non applicazione della mancino ai discorsi d’odio (il famoso comma a): voi vi ricordate più di dieci condanne ai sensi della Mancino contro le centinaia e centinaia di politici che sull’odio razziale hanno costruito le proprie fortune? Quel signore che anche recentemente ha dichiarato che gli piacerebbe vedere un naufragio di profughi, per esempio, dovrebbe essere già stato incriminato dalla procura di dove risiede. E’ accaduto? Siamo quindi il Paese dove si tollera l’intollerabile. Dove si scrivono le Leggi e poi non le si applicano. Dove un giudice può inceppare per anni l’applicazione di una norma

Peraltro l’Italia è quello strano paese in cui pur essendoci la Mancino nessuno è mai stato censurato ne condannato (se non in pochi casi molto isolati e molto eclatanti) per l’incitamento: avete presente le centinaia di casi non solo di incitamento ma anche di vera e propria realizzazione di discriminazione per motivi raziali ed etnici che abbiamo letto sui giornali da almeno venti anni? Ecco, tutto impunito. La verità è che questa Legge è stata ampiamente NON applicata (alla faccia della certezza del diritto e dell’obligatorietà dell’azione penale). Pur essendo la stessa legge blanda e molto misurata. Addirittura c’è la possibilità di sostituire la pena con sanzioni penali (fino a 6000 euro…) o con le cosidette pene alternative.

Di che cosa si ha paura quindi?

Chì si esprime contro l’estensione della Legge Mancino usando il tema della libertà di espressione giustifica, consapevole o no, coloro che i crimini d’odio e i discorsi d’odio li commettono. E dobbiamo trovare il modo di dirlo, perchè è la verità.

Rimane un argomento, molto diffuso tra quanti difendono da posizioni non vaticanofile (e sono tanti) il diritto all’espressione. Molti mi hanno detto di essere contrari a un mondo in cui nessuno può più dire di un altro che è un “finocchio”. Ora, come ho avuto modo di dire, tutti noi già viviamo in un modo dove insultare qualcuno è reato. E non capisco per quale motivo beccarsi del “finocchio” o del “ricchione” debba essere considerao più light che stronzo o bastardo o altro. Tradizione? beh, anche la tradizione popolare (la vogliamo chiamare così?) stava sulla bocca di chi definiva “puttane” le donne che andavano a lavorare fuori di casa, o che fumavano una sigaretta, o che portavano la minigonna. O di chi le definiva e le definisce assassine per aver abortito.

Io invito tutti i mie amici liberali e libertari (ed anche io faccio parte di questa famiglia) a riflettere sul fatto che non esiste una libertà assoluta, nemmeno nell’uso delle parole e delle espressioni. E che il lavoro difficile è proprio quello di definire i confini che la nostra società è in grado di sostenere. Qui e ora. Una società che limita l’uso dei social media mi fa orrore tanto quanto una società che non li regoli affatto, e che consenta l’impunità a chiunque.Se vivessi in Russia o in Uganda la mia priorità sarebbe un’altra, ma io vivo in Italia, a pochi passi dal Vaticano, con un vicepresidente del Senato che dice quello che dice, ma che non si dimette, con il consenso della maggioranza, perchè lui è “il più simpatico”, ed è “molto bravo” come vice presidente. Capito di cosa parliamo quando parliamo di libertà di espressione in Italia?

——————————————————

Dietrologia e demagogia non combattono l’omofobia

Enzo Cucco, presidente Associazione radicale certi diritti
http://gayindependent.blogspot.it/

Riusciamo a condividere qualche riflessione sulla proposta di legge cosiddetta contro l’omofobia che la prossima settimana si discuterà (forse….) in Parlamento senza per questo ricorrere a dietrologie ed estremismi? Si leggono in giro una valanga di stupidaggini, e le peggiori aspettative, sia da parte del fronte del SI che del fronte del NO, basate unicamente su infondate dichiarazioni il cui unico scopo è condizionare il voto e rimbabbionire chi siede in Parlamento, chi legge i giornali o guarda le tv e chi pascola sui social network.

Lo stato dell’arte è presto detto: esiste un testo unitario PD-PDL che la prossima settimana dovrebbe ricevere l’ultimo assenso in Commissione Giustizia, pare dopo la votazione di preannunciati emendamenti. Il testo unitario è frutto del compromesso (non poteva che essere così) tra la proposta Rete Lenford-Scalfarotto e la proposta PDL-Leone e, come tutte le proposte unitarie cerca un punto di equilibrio tra le due. L’attuale testo è chiaramente un passo indietro rispetto alla Proposta Rete Lenford-Scalfarotto (che peraltro ha ottenuto un consenso vastissimo di cofirmatari) anche se non così evidente agli occhi dei più. Cosa che scatena, appunto, le peggiori dietrologie.

Ovviamente esisteva anche una altra ipotesi parlamentare: quella di lavorare su una maggioranza che non tenesse conto del centrodestra, e quindi eliminando la necessità della mediazione al ribasso. Ma questa soluzione oltre che essere impraticabile per il Senato (o comunque a maggioranza molto risicata) sarebbe stata difficilmente gestibile sul piano degli accordi di maggioranza. E c’è anche chi dice in giro che l’opposizione a un testo unitario non si basi sul merito della proposta ma proprio sulla volontà di spingere in un angolo (ma ce ne sono ancora disponibili…?) il PD che non reggerebbe in modo unitario un voto dove i propri vaticanofili non votassero con quelli altrui. Argomenti forse fondati ma che agli occhi di chi vive fuori dal Parlamento suonano offensivi per la nostra intelligenza e buoni solo a gettar fumo negli occhi di chi vorrebbe valutare le proposte per quello che sono e per la loro efficacia, punto.

Per evitare di perdersi nei meandri delle dietrologie credo che sia necessario entrare nel merito della vicenda, e cercare di offrire esempi. I tre punti sostanziali della proposta unitaria, che tende a modificare la cosiddetta Legge Mancino n. 205 del 1993 (e quindi la precedente legge antirazzista n. 654 del 1975 che recepiva la Convenzione internazionale sulle discriminazioni razziali) sono:

– la proposta di una definizione di “orientamento sessuale” e “identità di genere”,
– l’estensione della legge Mancino e dell’articolo 3 della legge antirazzista anche “in materia di discriminazioni basate dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere”
– la riscrittura degli articoli di legge sulle pene alternative

E’ del tutto evidente che la vera novità sta nel secondo punto, ovvero nella possibilità di applicare quanto previsto da quelle due leggi nei nuovi casi indicati. Ma che cosa prevedevano queste due leggi? Tutto è riassunto dell’articolo 3 della Legge del 1975, così come modificato dalla Legge Mancino, vale a dire:

– reclusione fino a tre anni per chi “diffonde in qualsiasi modo idee….” o “incita a commettere o commette atti di discriminazione per …”
– reclusione fino a quattro anni chi “incita o commette atti di violenza o di provocazione alla violenza…”
– divieto per le organizzazioni che abbiano tra i propri scopi l’incitamento alle discriminazione o alla violenza….

Andiamo per punti.

Le due definizioni offerte sono insufficienti per coprire tutti i casi di potenziale violenza o discriminazione. Faccio un esempio per farmi capire: nella definizione data dalla proposta di legge per l’identità sessuale si parla di “percezione di se come appartenente al genere maschile e femminile chance se opposto al proprio genere”. Ma le persone transgender non necessariamente si sentono appartenenti all’una o all’altra identità. Che dire poi delle persone intersessuali? Di fronte a giudici neanche tanto tignosi, molte persone trans potrebbero venire escluse da questa definizione. La soluzione c’è, ed è quella di usare il concetto di “espressione di genere ” aggiungendolo agli altri due. E’ già diffuso non soltanto nel mondo lgbt o della sociologia, ma anche del diritto, essendo stato utilizzato in una Direttiva comunitaria, la n. 29 del 2012. Che, come noto, anche in assenza di una legge nazionale di recepimento, è norma vigente in tutto il territorio europeo.

Sull’estensione della Legge 205 e della 654 ai casi di discriminazione per orientamento sessuale e identità di genere si gioca il massimo di confusione. Intanto il richiamo all’articolo 10 del Trattato per il Funzionamento dell’Unione Europea è perlomeno improprio: si tratta di una norma di principio, chiaramente riferita alle politiche dei Paesi membri in materia antidiscriminatoria. Mentre con le leggi di cui discutiamo siamo in ambito penalistico, quindi di reati precisi. Svista o depistaggio? Non so, e non credo sia utile cabalizzare più di tanto su questo punto. L’emendamento da proporre in questo caso è semplice: togliere il pleonastico riferimento al TFEU, e l’ambiguo riferimento alle discriminazioni. Non credo che sia molto difficile proporre un emendamento di tale natura, anche perchè l’eventuale NO sarebbe la prova provata che il PDL sta facendo di tutto per depotenziare questa norma. E penso (spero) che sia chiaro a tutti e tutte che una norma che si occupi solo dei casi di discriminazione non è sufficiente.

La terza novità (le pene alternative) non è una novità, e farebbero bene ad informarsi giornalisti e politici provetti che la spacciano per tale. Le pene alternative erano già previste, ed anche applicate. La proposta di legge riformula l’articlo della Mancino che le prevedeva. Stop.

Non penso che ci sia molto altro da dire sulla proposta di legge, e va da sè che se non si riesce a far approvare gli emendamenti necessari non so nemmeno se abbia davvero senso andare avanti per far approvare un testo simile. Il gioco sta tutto qui: la norma che uscirà sarà utile? Se si pensa di si la si voti, mettendo in conto anche tutte le conseguenze che una legge ambigua, non precisa o troppo generica può provocare. Ritento che fare il parlamentare sia così faticoso e pieno di responsabilità che annunciare diktat o manifestazioni su questa materia serva davvero a poco. Spero che si abbia la saggezza di fermarsi, senza farsi rapire dal falso argomento che “meglio una piccola cosa che nulla”, perchè in questo caso la piccola cosa è minuscola……

Credo che sia altrettanto necessaria qualche riflessione più generale, per comprendere quanto siano infondate le aspettative che circolano selvagge sui media.

Non è un mistero che l’associazione di cui sono Presidente ha in tempi non sospetti sollevato, in sedi pubbliche ed in riunioni private, la necessità che l’Italia superi il gap esistente con l’Europa con una nuova legge sui crimini d’odio, con all’orizzonte l’art 21 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea (con alcune piccole integrazioni, per esempio la definizione di “espressione di genere”). Una legge completa, che prenda in considerazione non solo la repressione penale bensì anche l’attività di prevenzione, a mio avviso molto, molto più importante della precedente. Di tutto questo non c’è traccia nei provvedimenti in discussione (ma nemmeno nel dibattito pubblico) che si pasce dell’illusione che l’inserimento di un nuovo reato risolva il problema.

Come è altrettanto noto Rete Lenford ha elaborato in autonomia questa proposta esclusivamente sulla parte penale della questione, adottata da molti deputati e senatori senza che sia stato possibile almeno mettere in evidenza questi aspetti. Tutto legittimo, per carità, anzi tanto di cappello alla strategia dell’avvocatura che saltando a piedi uniti confronto e condivisione (spesso faticosi e inconcludenti, lo ammetto……) ha portato a casa l’obiettivo che oggi il Parlamento discute “a partire” dalla loro proposta. Ma questo non ci esime dal riproporre questo tema, anche per contrastare facilonerie e vere e proprie manipolazioni che, anche dal fronte del SI, si stanno moltiplicando.

Faccio un esempio concreto, purtroppo molto recente e a me vicino: qualche giorno fa di fronte ad una discoteca che ospita la serata principale della scena gay torinese (i cui gestori peraltro sono molto più che sensibili e partecipi alla vita politica lgbt) un gruppo di ragazzi gay è stato aggredito da quattro ragazzi visibilmente ubriachi e forse un po fatti. E sono stati malmenati a suon di violenti insulti omofobi. Hanno reagito come hanno potuto, son stati aiutati dal gestore del bar, hanno chiamato la polizia e immediatamente denunciato (cosa importantissima che va a loro grandissimo merito) e la polizia ha preso e portato in galera i colpevoli. Rilasciati il giorno dopo sono denunciati a piede libero per un bel pò di reati già previsti dal codice penale. E le Istituzioni cittadine son pure intervenute con dichiarazioni e prese di posizione, al netto di alcune stupidaggini dette dai soliti consiglieri comunali in cerca di visibilità.

La legge antiomofobia in discussione in Parlamento non avrebbe ma impedito un caso del genere, per motivi generali e per motivi specifici. Come dovrebbe essere ormai universalmente noto nè la Legge del 75 nè quella del 93 hanno impedito lo svilupparsi, anche impetuoso negli scorsi anni, di centinaia di casi di violenza, maltrattamenti e discriminazioni per motivi razziali (che era l’unica materia prevista da quelle leggi). Basta leggere i bollettini dei Centri di documentazione indipendente, delle organizzazioni che hanno studiato l’applicazione della Mancino, dello stesso Parlamento che ha certificato l’aumento di antisemitismo e razzismo in forma ufficiale e documentata. E allora mi fa arrabbiare sentire, anche dalla voce di esponenti del movimento lgbt che “ora basta ci vuole una legge” senza specificare di quale legge abbiamo realmente bisogno.

Giocando sull’ambiguità e trasferendo sulla proposta in discussione aspettative che verranno, purtroppo, sconfessate dalla realtà prossima ventura. Peggio ancora sentire alcuni parlare di “emergenza” vera e propria, senza sentire la “vergogna” del confronto con la valanga di populisti che in questi anni ha condizionato la nostra vita (e le nostre elezioni) con i criminogeni concetti di “emergenza immigrati”, “emergenza zingari” e via sproloquiando. Chi straparla di emergenza dovrebbe anche assumersi la responsabilità di offrire numeri, analisi puntuali e casi specifici, e non solo giocare sui titoli dei giornali e l’emozione del momento.

Il fenomeno dell’odio sociale, con tutte le conseguenze anche penali che esso porta con se, è ben lungi dall’essere una emergenza, e necessità di interventi strutturali di medio e lungo periodo che, certo, non si prestano all’uso mediatico-bulimico di cui soffriamo un pò tutti.

Senza parlare dell’area di omofobia e transfobia che un pdl come quello in discussione non intercetta minimamente, e che invece rappresenta la base di un iceberg invisibile ma non meno reale: famiglia, lavoro, scuola, sport sono gli ambienti dove l’odio sociale si alimenta, sviluppa e manifesta. In nulla questa legge ci potrà aiutare per questo lavoro.

Contro questi argomenti ci sono altre due posizioni molto diffuse: la prima è quella che afferma che non c’è bisogno di una legge per gli interventi di prevenzione. Posizione che con termine “tecnico” definirei una stupidaggine. Se solo si conoscesse quanto, al contrario, le norme positive diano saldezza, continuità e impulso all’attività che oggi è fatta o per buona volontà o per estensione di altre normative generali, non si direbbero tali castronerie. Con tutta la buona volontà della nemmeno la Strategia UNAR o eventuali programmi specifici possono esser paragonabili a quello che può produrre una vera e propria legge contro i crimini d’odio e i fenomeni di discriminazione che oggi in Italia manca drammaticamente.

La seconda posizione è quella più insidiosa perchè si basa su un dato di fatto: la realtà italiana è tale per cui sui temi lgbt si possono solo fare passi avanti minimi. Ho già scritto in altro contesto quanto questo argomento fintamente realista sia di fatto di natura arrendista. Soprattutto quando si accompagna alle raccomandazioni di non fare troppo rumore, a non spingere su questo o quell’altro tema, ad attendere il lavoro di condivisione in Parlamento. Soprattutto a non rispondere per le rime alle deliranti tesi del fronte del NO che, ormai schieratissimi, tentato di non far passare nulla di nulla, con lo stesso argomento di sempre, ovvero che questa legge censurerebbe la libertà di espressione. Argomento che meriterebbe una analisi più dettagliata di quella che qui posso fare.
Quanto lavoro vero è stato fatto in questi anni per convincere, e non solo per fare polemica nei talk show, su questi temi? Quante e quali lobby sono state attivate? Quante persone, soldi, associazioni si sono impegnate per questa attività, di certo non visibile, ma straordinariamente più produttiva di molte altre? E allora se manco ci abbiamo provato perchè dichiamo tutti come pecore che non sarà mai possibile ottenere altro che briciole?

Dobbiamo sostenere (per quanto sta a noi) il progetto di legge in discussione in Parlamento a condizione che gli emendamenti per i quali qui dedichiamo qualche parola siano recepiti. Con la consapevolezza che non si tratta affatto di una norma risolutiva del fenomeno ne di quello che l’Europa realmente ci chiede. Realisti, quindi, e non arrendisti.

Last but not least: ci sarebbe da trattare anche il tema del rapporto tra associazioni, e di quello tra associazioni e Parlamento. Ma questa è tutta un’altra storia.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.