Home Europa e Mondo No all’intervento militare in Siria! Non si può costruire una pace sostenibile aggiungendo violenza a violenza!

No all’intervento militare in Siria! Non si può costruire una pace sostenibile aggiungendo violenza a violenza!

Wilpf – Women International League for Peace and Freedom
www.womenews.net

La Lega Internazionale delle Donne per la Pace e la Libertà ( WILPF ) saluta con favore la decisione del Parlamento britannico di respingere la proposta di un’azione militare contro la Siria. Il Parlamento ha accolto il principio che l’uso di armi chimiche non può mai essere giustificato, ma ha ribadito l’importanza del rispetto del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite nel decidere qualsiasi risposta da parte della comunità internazionale . Tuttavia, i media riferiscono che il governo degli Stati Uniti è ancora intenzionato ad effettuare un attacco militare contro la Siria , anche senza il sostegno del Regno Unito.

Fin dalle prime voci sull’impiego dei gas letali la WILPF ha sostenuto con fermezza che l’uso di armi chimiche è una grave violazione del diritto internazionale, a prescindere da quale delle parti in conflitto avesse perpetrato l’attacco. Ma l’impiego di armi chimiche, comunque aberrante e illegale , non deve neppure essere usato come pretesto per un intervento militare. Altre opzioni sono disponibili e devono essere perseguite.

Le armi chimiche ed il diritto internazionale

Non vi è dubbio che l’uso di armi chimiche nei conflitti armati è una violazione del diritto internazionale . Il protocollo di Ginevra del 1925 proibisce l’uso di armi chimiche e biologiche in guerra. Inoltre, la convenzione sulle armi chimiche ( CWC) vieta lo sviluppo, la produzione, l’acquisizione , lo stoccaggio , la conservazione , il trasferimento o l’uso di armi chimiche . Sebbene la Siria aderisca solo al Protocollo di Ginevra del 1925 e non alla CWC, gli esperti legali e il Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR ) hanno sottolineato che questi accordi hanno creato un principio contro l’uso di armi chimiche attraverso il diritto internazionale consuetudinario.

Questo significa che il divieto di usare armi chimiche è altrettanto vincolante quanto un trattato ed è allo stesso modo vincolante per i gruppi armati . Di conseguenza , che sia il governo o una fazione ribelle ad usare armi chimiche , ambedue possono essere ritenuti responsabili di violazione del diritto internazionale . Il presunto uso di armi chimiche non deve essere utilizzato come pretesto per un intervento militare .

Contro l’intervento militare

Invece di precipitarsi verso un intervento militare o una guerra , la comunità internazionale deve rispondere in conformità con il diritto internazionale . Obblighi legali internazionali consentono un intervento militare solo in particolari circostanze , nessuno dei quali è applicabile in questa situazione .

La retorica dei governi che spingono per un intervento è più simile alla ritorsione e alla punizione che alla giustizia in conformità con il diritto internazionale . Essa presuppone sia il “diritto” dei governi occidentali di agire come polizia mondiale, sia la legittimità dell’uso della forza per risolvere i problemi internazionali .

Le conseguenze di un intervento militare sono inevitabili : danni collaterali , esacerbazione del conflitto e sofferenza dei civili , radicalizzazione delle forze nella regione , tutto ciò rende la prospettiva di una trattativa pacifica ancora più remota . L’intervento militare non aiuterà il popolo siriano ad essere al sicuro dalla violenza né si tradurrà in una transizione pacifica verso un governo democratico e responsabile. Un dialogo deve avvenire e deve avvenire con le voci di coloro che sostengono una soluzione non violenta .

Opzioni alternative

Soluzioni alternative all’uso delle armi sono state costruite attentamente nel corso di decenni ed esistono metodi che si possono e si devono utilizzare.

– 1 . Garantire un’indagine efficace riguardo all’attacco con i gas, attraverso un’estensione dell’attuale mandato delle ispezioni dell’ONU. Si deve permettere che le ispezioni delle Nazioni Unite siano completate . Il gruppo di ispezione ha finora raccolto campioni e intervistato vittime e testimoni . Il Segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon ha sostenuto che alla squadra degli ispettori deve essere consentito di fare il suo lavoro e di stabilire i fatti , respingendo affermazioni del governo britannico e degli Stati Uniti circa la ” certezza ” dei fatti e la loro richiesta che gli ispettori lascino il paese . Una volta che gli ispettori hanno stabilito se le armi chimiche sono state utilizzate e le probabili origini di queste armi , solo allora la comunità internazionale dovrà agire in conformità con il diritto internazionale nella sua risposta .

– 2 . Proporre una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per garantire il passaggio di consegne di qualsiasi arma di distruzione di massa (WMD) in possesso di ciascuna delle parti in conflitto . Il primo obbligo per il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite è quello di garantire la prevenzione di un ulteriore uso di armi chimiche . Di conseguenza , si dovrebbe emanare una risoluzione per facilitare la confisca delle armi proibite . Questo potrebbe ottenere il sostegno del governo russo , che ha sostenuto il divieto dell’uso di armi chimiche e che sembra avere una notevole influenza sul governo siriano . Data la forte partecipazione della Russia all’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa ( che ha un mandato geograficamente più ampio della sola Europa) , l’OSCE potrebbe anche essere in grado di garantire la consegna delle armi .

– 3 . Chiedere al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite di adire l’ Ufficio del procuratore della Corte penale internazionale (CPI ) . La Corte penale internazionale è stata istituita per fare giustizia quando uno stato non è disposto o in grado di farlo , come sarebbe il caso qui. C’è bisogno di un’indagine sulla identificazione dei responsabili e la natura della responsabilità di comando . La Siria non fa parte della CPI , ma il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite può e deve adire l’ufficio del pubblico ministero e garantire che i fondi siano disponibili per l’indagine e accusa.

– 4 . Sostenere una soluzione politica attraverso colloqui di pace inclusivi. Il processo politico avviato coi colloqui “Ginevra I” del 2012 e i colloqui ” Ginevra II ” pianificati per quest’anno è finalizzato a cercare una soluzione politica piuttosto che militare alla crisi siriana . Nella prima serie di incontri è stato sviluppato un piano per un governo di transizione in Siria coinvolgendo sia il governo che componenti dell’opposizione . Questa discussione deve essere continuata nei colloqui di Ginevra II con il supporto rinforzato da membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell’ONU. Devo essere anche intensificate le pressioni per un processo inclusivo che coinvolga le donne di tutte le parti interessate nel conflitto, così come gruppi umanitari non violenta e gruppi di donne per assicurare un forte e proficuo processo di pace.

Nello stesso tempo, devono essere fermati i trasferimenti di armi al governo siriano e le forze ribelli. Questi flussi di armi hanno ottenuto solo altro spargimento di sangue. Chiedendo a chi fornisce armi a entrambe le parti di fermarsi, il Segretario generale dell’ONU Ban Ki-Moon osserva: “La logica militare ci ha dato un paese sull’orlo della distruzione totale , una regione nel caos e una minaccia globale. Perché gettare altra benzina sul fuoco ?

Andando avanti

Qualcuno si chiederà, se la giustizia stia solo nel completare le ispezioni e nel mettere in sicurezza le armi. Il diritto non consiste in rapide ” correzioni “, spesso richieste dai governi, o nella giustizia immediata reclamata dalle vittime. Tuttavia, ciò fornisce un processo nel quale è fondamentale impegnarsi se vogliamo passare dalla ritorsione violenta a processi di pace e di giustizia.

La WILPF chiama, ancora una volta, a scelte di pace invece della violenza, a soluzioni politiche invece di soluzioni militari.
Non si può costruire una pace sostenibile su ulteriore violenza

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.