Home Europa e Mondo Da Nairobi a Mombasa dolore e solidarietà

Da Nairobi a Mombasa dolore e solidarietà

www.misna.org

Donano il sangue, organizzano collette, si stringono ai familiari delle vittime. Lo fanno indipendentemente dal gruppo etnico di appartenenza o dal credo religioso. L’assalto al centro commerciale Westlands di Nairobi, dicono religiosi sentiti dalla MISNA in diverse aree del paese, sta unendo i keniani.

“Questo episodio di violenza assurdo e crudele – dice padre Joachim Omolo, animatore a Nairobi della rete interreligiosa People for Peace in Africa – ha avvicinato tra loro tutte le etnie e tutte le religioni, rivelando appieno la generosità dei keniani”. Padre Omolo racconta delle migliaia di donazioni di sangue negli ospedali e sotto le tende allestite dalla Croce Rossa in centro città o delle collette per aiutare subito chi nell’assalto ha perso un marito, un figlio, una madre.

“Il dolore – sottolinea il religioso – sta moltiplicando gli atti di vicinanza e solidarietà, a Nairobi ma anche in province distanti centinaia di chilometri”. Dal Lago Turkana, al confine con l’Etiopia, fino alle regioni costiere dove la maggioranza della popolazione non è cristiana ma musulmana. Significativa la presa di posizione dei rappresentanti della comunità islamica di Mombasa, uniti nel condannare la strage rivendicata dai somali di Al Shabaab e soprattutto nel respingere qualsiasi tentativo di associarla alla fede musulmana. “Hanno sottolineato in modo inequivocabile – dice monsignor Virgilio Pante, vescovo di Maralal, una diocesi del Kenya centro-settentrionale – che i responsabili della strage non sono musulmani ma terroristi e criminali, che non hanno nulla a che vedere con la religione”.

Una convinzione, questa, condivisa appieno dagli animatori di People for Peace in Africa. “Nei prossimi giorni – sottolinea padre Omolo – contribuiremo a organizzare una giornata di preghiera nazionale, che sia momento di riflessione e occasione di rinnovato impegno contro ogni violenza.

Un appuntamento tanto più necessario quanto più, in queste ore, prendono corpo i timori di ripercussioni negative o addirittura rappresaglie ai danni della comunità somala in Kenya. Una comunità molto numerosa nei campi profughi del nord ma anche a Nairobi, dove è concentrata nel quartiere di Eastleigh, la “piccola Mogadiscio”. “L’attentato è un tentativo di creare una frattura tra i musulmani e gli altri gruppi religiosi in Kenya – ha detto ai giornalisti Hassan Omar, senatore originario di Mombasa – ma noi vogliamo dire ai terroristi che siamo più intelligenti di loro, che conosciamo le loro intenzioni e che non saremo sconfitti”.

—————————————————————-

Strage in Kenya

Rita Plantera
Nena News

Almeno venticinque i morti, tra cui bambini, altrettanti i feriti e sette gli ostaggi, tra cui due italiani, il bilancio provvisorio e non ufficiale dell’attacco armato contro uno dei più prestigiosi centri commerciali di Nairobi, in Kenya. Cifre riportate dalle tv locali e dai testimoni oculari ma non ancora confermate da nessuna fonte ufficiale. Il Westgate Shopping Mall era gremito di turisti quando ieri verso mezzogiorno ora locale alcune granate sono state fatte esplodere da individui armati all’interno dell’edificio scatenando il pandemonio tra i presenti.

Le testimonianze dei feriti e della Croce Rossa locale raccolte dalle maggiori agenzie di stampa internazionali tra cui Reuters e Afp riportano di dozzine di adulti e bambini nascosti nei cinema e nei bagni del lussuoso complesso portati poi fuori dai militari su barelle e carrelli della spesa, di clienti giustiziati a sangue freddo e di un numero imprecisato di persone rimaste sotto il tiro di quello che secondo il Ministero dell’Interno kenyota potrebbe essere un attacco terroristico più che una rapina a mano armata.

Se la matrice terroristica venisse confermata, l’attacco al Westgate di ieri rappresenterebbe il terzo più grande da parte dello stesso gruppo al-qaedista separatista Al -Shabab dopo quello all’ambasciata americana a Nairobi del 1998 che aveva lasciato più di duecento morti e quello del 2002 contro un hotel di proprietà israeliana e il tentativo di abbattimento di un jet israeliano. Una carneficina annunciata quella di ieri, sarebbe lecito dire visto che più volte i militanti di Al-Shabab avevano minacciato l’attacco al lussuoso shopping center per rappresaglia dopo l’invasione delle forze keniote in Somalia nel 2011.

Inaugurato nel 2007, con i suoi circa 80 negozi il Westgate ospita i maggiori brand internazionali tra cui Adidas, Nike, Converse, un multisala di ultima generazione – il Planet Media Cinemas Complex and Media Store – il Millionaires Casino e – tra gli istituti bancari – quelli della Barclays, della Cfc Stanbic and Diamond Trust Bank e della Kcb. Circa 30,000 metri quadrati di vendita al dettaglio e di servizi di ogni tipo progettati secondo i più alti standard internazionali che rappresentano l’hub finanziario e commerciale probabilmente più esteso e maggiormente concentrato dell’Africa orientale. Una carneficina quella di ieri che di fatto rappresenta l’attacco allo status simbol del gotha dei brand del mercato occidentale.

Nairobi è sede della più grande ambasciata americana, ospita uffici dell’Onu e i quartieri generali di multinazionali come Ibm, Google, PwC, Wpp, Bharti Airtel, Nokia / Siemens, Huawei, Procter & Gamble, Biersdoff, Barclays e Stanchart e molte altre, tutti pesi massimi del mercato mondiale che su territorio kenyota formano un hub di investimenti in espansione verso l’Africa Sub-sahariana. Oltreché con Stati uniti ed Europa, il Kenya gode di solide relazioni diplomatiche con Israele. E infatti risale a novembre del 2011 un protocollo d’intesa tra i due Paesi in materia di cooperazione per la sicurezza nazionale che prevedeva anche l’accordo per la creazione di una coalizione comprendente oltre al Kenya anche Etiopia, Sud Sudan e Tanzania contro i gruppi radicali islamici legati ad Al Qaeda attivi soprattutto nella zona di frontiera. Protocollo firmato un mese dopo che il Kenya aveva lanciato la sua «Operation Linda Nchi» ( Defend the Country ) in Somalia contro i miliziani di Al Shabaab, considerati la minaccia più importante agli interessi turistici della zona costiera.

In realtà, come svelato poi da Wikileaks, «l’iniziativa Jubaland» era già stata pianificata da tempo con l’intento di costruire una zona cuscinetto e una regione autonoma per difendere gli interessi del Kenya nella zona di confine con la Somalia. L’attacco di ieri colpisce al cuore il ricco hub economico-commerciale di Nairobi per ricchi turisti che insieme alle gettonatissime spiagge bianche dei tour operator fa da contraltare alle latrine, alle fogne a cielo aperto e alla povertà radicata delle popolazioni locali delle aree di confine.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.