Home Gruppi e Movimenti di Base Noi Siamo Chiesa: «I gesti del papa danno speranza» di L.Kocci

Noi Siamo Chiesa: «I gesti del papa danno speranza» di L.Kocci

Luca Kocci
il manifesto, 20 aprile 2014

Nuovo bagno di folla per papa Bergoglio oggi, giorno di Pasqua. Prima la messa in piazza San Pietro, poi il tradizionale messaggio urbi et orbi letto nelle varie lingue. E in settimana Roma sarà invasa dai pellegrini che, domenica prossima, parteciperanno alla doppia canonizzazione di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II, i due papi più popolari del ‘900. Ne parliamo con Vittorio Bellavite, coordinatore per l’Italia di Noi Siamo Chiesa, il più importante movimento internazionale per la riforma della Chiesa.

Proprio ieri, 19 aprile, ricorreva l’anniversario dell’elezione di Ratzinger a papa (nel 2005), che il manifesto annunciò con quella efficacissima prima pagina, «il pastore tedesco». Con Bergoglio è cambiato qualcosa?

«Sì, perché l’approccio alla realtà di Francesco è nettamente diverso da quello di Benedetto XVI. La crisi globale secondo Ratzinger era causata dal trionfo del relativismo, e la riposta doveva essere il rafforzamento dell’identità cattolica. Quella di Francesco invece è una risposta ancorata alla storia, quindi più evangelica: la crisi è provocata da un sistema economico-sociale che non funziona e che produce ingiustizia. Ed è un messaggio che ottiene grande risonanza anche perché le risposte che la politica sembra dare alla crisi sono molto deboli».

Bergoglio critica il sistema economico-finanziario, parla male del denaro e regala 50 euro ai clochard della stazione Termini. Però poi lo Ior resta al suo posto. Non è una contraddizione?

«La contraddizione c’è. Dice che “san Pietro non aveva una banca”, ma non è poi in grado di essere coerente fino in fondo con questa affermazione. C’è una grande difficoltà a liberarsi dalle strutture. Però mi sembra che almeno si stia impegnando a riformare queste strutture che hanno continuato ad agire in maniera non diversa da quanto accadeva ai tempi di Marcinkus e Calvi».

Domenica prossima ci saranno le canonizzazioni di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. Noi Siamo Chiesa è stata sempre critica con il sistema delle santificazioni. E ora?

«Anche ora. Con queste operazioni si assecondano e si rafforzano forme di religiosità popolare che danno più valore ai santi e alle madonne che non al messaggio di liberazione del Vangelo. La religiosità popolare ha un suo valore, ma dovrebbero esserne evidenziati i limiti e andrebbe sottoposta ad una profonda revisione critica».

E poi si continuano a canonizzare pontefici…

«È un modo per santificare il papato. Anche unendo, come in questo caso, due papi molto diversi fra loro, quasi a voler bilanciare i diversi equilibri presenti nella cattolicità».

Giovanni Paolo II resta una figura controversa, in questi giorni è emerso che anche il card. Martini aveva dei dubbi sulla sua santificazione a tempo di record. Cosa ne pensa?

«Noi Siamo Chiesa è stata sempre contraria per molti motivi: la repressione della Teologia della liberazione in America latina e in generale di tutti i teologi progressisti; la nomina dei vescovi conservatori; il sostegno dato ai movimenti cattolici integralisti; l’abbandono delle istanze di rinnovamento del Concilio Vaticano II».

Torniamo a Bergoglio. Molti, anche di area laica, esaltano parole e atti che giudicano rivoluzionari. Non c’è invece il rischio di rafforzare il papismo?

«Il rischio c’è. Noi però speriamo che con Francesco si possa camminare in direzione della sinodalità, quindi della democrazia. Dei segnali ci sono. Complessivamente però diamo un giudizio positivo perché ci sembra che, a differenza dei suoi predecessori, si muova più sull’orizzonte della pastorale che su quello della riaffermazione della dottrina. Forse non è rivoluzionario, però mi pare che possa avere delle conseguenze e portare dei cambiamenti, anche significativi, nella Chiesa».

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.