Home Europa e Mondo USA: liberarsi della religione è un diritto civile

USA: liberarsi della religione è un diritto civile

Nigel Barber
www.huffingtonpost.com traduzione di Flavia Vendittelli

La separazione tra Stato e Chiesa nella Costituzione degli Stati Uniti è onorata più nella forma che nella sostanza. Chi vuole sfuggire alla religione organizzata deve conquistare questa libertà lottando contro quei poteri che vorrebbero imporre il punto di vista religioso a tutti in ogni momento. Il giuramento di fedeltà su base religiosa (religious pledge of allegiance) continua ad essere impartito nelle scuole nonostante sia chiaramente incostituzionale. L’oppressione religiosa è molto peggio in altri Paesi rispetto agli Stati Uniti. Non è come vivere in una repubblica islamica dove ricusare l’Islam (o apostasia) è punibile con la morte. Eppure, la linea è molto sottile. I paesi in cui non c’è libertà religiosa hanno una qualità della vita molto bassa in altri aspetti, come sottolineato nel mio libro Why Atheism Will Replace Religion (Perché l’ateismo rimpiazzerà la religione).

Non è irragionevole aspettarsi che il regno della democrazia moderna conceda ai propri abitanti la stessa libertà di sottrarsi alla religione concessa ai cittadini di altre democrazie sviluppate, soprattutto quando quel diritto è scritto nella Costituzione nel senso che nessuna religione può essere religione di Stato.

Eppure, la presenza della religione cristiana è visibile ovunque. Mi piacerebbe sapere perché le mie tasse sono usate per pagare un cappellano cristiano richiesto dai rappresentanti del Congresso per guidare le loro preghiere. Perché l’esercito degli Stati Uniti e la Guardia Nazionale usano le mie tasse per pagare cappellani che benedicono le truppe in preghiera? Non sono una costituzionalista ma è difficile interpretare queste azioni se non come istituzione della religione da parte dello Stato. Perché il presidente deve prestare giuramento usando una Bibbia e linguaggio religioso insinuando che la sua posizione è sostenuta da Dio in violazione dell’articolo VI che vieta i testi religiosi come condizione per lo svolgimento di una carica pubblica?

Nei nostri pensieri e nelle nostre preghiere

Sarebbe facile considerare il giuramento presidenziale una semplice espressione della tradizione se non fosse per il fatto che il capo dello Stato svolge una costante funzione di promozione religiosa. Se succede qualcosa di brutto ai suoi cittadini, il presidente informa le famiglie che sono «nei nostri pensieri e nelle nostre preghiere». Questa è una formulazione ambigua. Chi è che prega? La famiglia Obama, o il governo. Un’interpretazione ancora più irritante è che tutti i cittadini stiano pregando per le vittime. Come capo dello Stato, che fa fronte ad una calamità nazionale, questa sembra l’interpretazione più verosimile. Il presidente Obama non è solo nel suo frequente riferimento alla religione: la maggioranza dei presidenti nel recente passato ha fatto lo stesso, suggerendo che le espressioni di religiosità sono percepite come terreno sicuro per i presidenti statunitensi. In realtà, se si ascoltasse il contenuto delle dichiarazioni pubbliche di Obama, sarebbe più facile ritenerlo un capo religioso che un capo laico. Questo spiegherebbe perché si sia disturbato a fare visita al Papa a Roma sembrando un supplice davanti alla stravagante pompa cerimoniale del Vaticano. Spiegherebbe anche la sua predilezione per le “colazioni di preghiera”. Ho alcune domande per il presidente e la Corte Suprema sulla presunta separazione tra stato e chiesa.

Alcune domande per il presidente

– Perché se la Guerra Fredda è terminata da tempo, scriviamo ancora «Ci affidiamo a Dio» su monete e banconote?
– Come può il Governatore dell’Alabama nel suo primo giorno di mandato dire che le persone che non sono cristiane non sono sue fratelli e sorelle? Perché in Alabama il conduttore delle previsioni del tempo mi dice che avrò bisogno di un ombrello per recarmi in chiesa?
– Perché i datori di lavoro religiosi prendono decisioni sulla salute degli impiegati che non condividono i loro credi?
– Perché viene permesso agli Stati di vietare la contraccezione e l’aborto in violazione della sentenza su Roe contro Wade?
– Come può essere consentito al Provveditorato scolastico del Texas di inserire falsità basate sulla religione nei libri di scienze?
– Perché negli Stati Uniti gli atei vengono discriminati al momento delle assunzioni e viene generalmente vietato loro di ricoprire cariche pubbliche?
– Tardivamente in linea con i diritti delle persone gay, Obama sosterrà i diritti civili di chi vuole essere libero dalla religione?
– Che cosa intende fare per proteggere i diritti civili di chi vuole essere libero dalla religione negli Stati Uniti?

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.