Home Europa e Mondo Mondiali in Brasile: il gigante nel pallone

Mondiali in Brasile: il gigante nel pallone

Paolo Manzo
www.famigliacristiana.it

Dieci miliardi di euro. A tanto ammonta il costo del Mondiale che sta per iniziare in Brasile. Il paese di Pelé di campi da calcio ne aveva già da vendere: quella sostenuta per dodici stadi nuovi o rifatti è una spesa semplicemente folle, che supera la cifra complessiva totalizzata dalle ultime due Coppe del mondo di calcio messe assieme. Come se non bastasse le infrastrutture che si dovevano costruire con quei soldi sono rimaste lettera morta nel 60 per cento dei casi. Del treno che a San Paolo avrebbe dovuto collegare l’aeroporto di Congonhas all’Arena Corinthians non si vedono neppure le rotaie. Il collegamento ferroviario sarà pronto nel 2015, a Mondiali finiti: servirà solo a pochi intimi.

Lo stesso dicasi dell’Alta velocità tra Rio de Janeiro e San Paolo, per non parlare dello scheletro di metallo a sei piani che fa strabuzzare gli occhi di chi va allo stadio di Curitiba. Doveva essere l’International media Center al fianco dell’Arena della Baixada ma, visti i ritardi, i giornalisti saranno accampati in una tendopoli a fianco di un parcheggio.Qualche settimana fa il segretario generale della Fifa Jerome Valcke, ha ricordato che «allo stadio non si può stare in piedi», esplicito riferimento alla lentezza nei lavori dell’Itaquerao, l’altro nome dello stadio di San Paolo che il 12 giugno ospita la partita inaugurale. Qui lo scorso anno una gru era affondata nel terreno – non si sa ancora né come né perché – uccidendo due operai e, proprio sotto dove ora c’è lo stadio, prima scorreva un oleodotto della Petrobras, la compagnia statale degli idrocarburi.

«Spero abbiano fatto tutti i test strutturali senza speculazioni edilizie» rivela a Famiglia Cristiana un geologo che per decenni ha lavorato proprio per Petrobras. «Altrimenti», aggiunge preoccupato, «con 68 mila persone che saltano non voglio neanche pensare cosa potrebbe accadere in caso di cedimenti». Era ancora da terminare a due settimane dal fischio d’inizio ma nonostante ciò era stato “inaugurato” ben tre volte dalle autorità. L’unico test fatto sinora all’Arena Corinthians ha visto circa 40 mila spettatori sugli spalti ma, particolare non trascurabile, mancavano le “tribune mobili” che accoglieranno in curva altri 18-20mila tifosi. «Dovevano essere già pronte da fine 2013 e, invece, si arriverà al match inaugurale senza poter fare un test che le includa» sbuffa un funzionario Fifa.

L’improvvisazione regna sovrana e se in metà degli stadi mancherà il wi-fi, delle 25 compagnie aeree che dovevano operare nel terzo terminale dell’aeroporto di Guarulhos, il principale hub brasiliano, causa “lavori in corso” riusciranno a trovare un posto solo otto. Sono invece nove gli operai morti sinora sui cantieri degli impianti sportivi, anche questo un record negativo. Rispetto al 2007 quando la Fifa indicò il Brasile come sede del Mondiale il clima a Rio è cambiato radicalmente. Sette anni fa la gente scese in spiaggia a Copacabana per festeggiare.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.