Home Europa e Mondo Mio dio, l’antisemitismo

Mio dio, l’antisemitismo

www.infopal.it

Pubblichiamo qui di seguito un articolo di Gideon Levy, giornalista israeliano, in quanto tenta un approccio critico al discorso, e alla conseguente manipolazione della propaganda sionista, sull’”antisemitismo”.

Oggi Israele è il posto più pericoloso del mondo per gli ebrei. Dalla sua fondazione sono morti più ebrei in guerre e attacchi terroristici avvenuti in Israele che altrove. La guerra a Gaza però ha ridotto le differenze: più di ogni altra guerra, ha messo in pericolo gli ebrei anche nel resto del mondo.

La casa degli ebrei, il rifugio della nazione, non solo non offre alcun rifugio, ma addirittura minaccia gli ebrei ovunque. Nel calcolare gli effetti della guerra bisogna includere anche questo tra le perdite.

Un’ondata di rabbia sta investendo l’opinione pubblica mondiale. In contrasto con la miopia e l’autocompiacimento dell’opinione pubblica israeliana, all’estero la gente ha visto le foto di Gaza ed è rimasta sconvolta. Per chiunque avesse una coscienza era impossibile fare finta di niente.

Lo shock si è trasformato in odio verso lo stato che ha fatto tutto ciò, e in alcuni casi l’odio ha finito per risvegliare l’antisemitismo dalla sua tana. Sì, nel ventunesimo secolo c’è ancora antisemitismo nel mondo, ed è stato Israele ad alimentarlo. Israele ha fornito all’odio scuse in abbondanza.

Ma non tutti i sentimenti anti-israeliani sono antisemiti. Semmai è vero il contrario: la maggior parte delle critiche a Israele sono fondate e moralmente giustificabili. L’antisemitismo, razzista come tutti gli odi nazionali, è spuntato ai margini di queste critiche, e Israele è direttamente responsabile della sua comparsa.

Ma Israele e l’establishment della diaspora ebraica etichettano automaticamente ogni critica come antisemita. Il trucco è vecchio: il peso della colpa viene trasferito da quelli che hanno commesso gli orrori di Gaza a quelli che si macchiano di cosiddetto antisemitismo. Non è colpa nostra, è colpa tua, mondo antisemita. Qualunque cosa faccia, Israele ha sempre tutto il mondo contro.

Naturalmente questo non ha senso. Così come un poliziotto che fa una multa a un automobilista ebreo non è necessariamente antisemita, come vorrebbero far credere alcune organizzazioni ebraiche, e una rapina a un rabbino non è necessariamente motivata dall’odio razziale, le critiche a Israele non sono necessariamente motivate dall’odio per gli ebrei.

Queste organizzazioni sono diventate un parafulmine per le critiche a Israele, e se la sono cercata. Questo è il prezzo del loro cieco sostegno a Israele, della loro chiassosa propaganda in nome di Israele, del fatto di aver trasformato ogni comunità ebraica in un ufficio di pubbliche relazioni per Israele e della loro unanime approvazione di qualunque cosa faccia Israele. Siamo un solo popolo, dicono. In questo caso, se ogni ebreo che osa criticare Israele, anche quando è coinvolto in un conflitto brutale, è un ebreo che odia sé stesso, allora tutti sono responsabili.

Numerosi ebrei che vivono all’estero mi hanno scritto in preda al panico durante la guerra, chiedendomi di non scrivere più i miei articoli e di smetterla con le critiche, perché gli antisemiti le usavano a loro favore. Ho risposto loro che ciascun aggiornamento da Gaza faceva più danni all’immagine di Israele di tutti i miei articoli messi insieme. Conosco anche molte persone che hanno ancora simpatia per Israele proprio perché c’è ancora qualche resto di una società libera che ammette le critiche.

In ogni caso, gli ebrei dovrebbero esprimere i propri timori allo stato di Israele. Oggi molti ebrei hanno paura. In parte queste paure sono forse esagerate, in parte sono giustificate. A mio parere in Europa essere musulmano è tuttora più difficile che essere ebreo. Ma a Parigi gli ebrei non hanno più il coraggio di portare la kippa, in Belgio a una donna è stato impedito di entrare in un negozio perché era ebrea e un giornalista francese mi ha detto recentemente che in Francia l’odio per Israele e gli ebrei non è mai stato così forte.

Queste lamentele vanno indirizzate a Israele, perché è Israele che ha la responsabilità di Gaza.

Chiunque abbia a cuore la sorte degli ebrei, chiunque sia sconvolto dagli episodi di antisemitismo, avrebbe dovuto pensarci prima di condurre Israele in un’altra guerra senza senso. Il mondo non è sempre contro Israele. Basta ricordare il periodo degli accordi di Oslo, quando tutto il mondo era dalla sua parte, compresa una parte del mondo arabo. Il mondo sarebbe ben contento di riabbracciare Israele, se la smettesse di comportarsi come un bullo e un oppressore.

Mio dio, l’antisemitismo è tornato. Forse è vero. Ma è Israele che ha acceso la miccia

——————————————————–

Lettera aperta agli ebrei italiani

Stefania Sinigaglia
www.womenews.net, 31 luglio 2014

Da Eddyburg.it riprendiamo la “lettera aperta agli ebrei italiani” scritta da Stefania Sinigaglia (Ancona) – fa parte della rete ECO, ebrei contro l’occupazione, ma ha scritto e firmato personalmente – per provare a incrinare “il tombale silenzio delle Comunità Israelitiche in questi giorni e della stragrande maggioranza degli ebrei italiani” .

Sono un’ebrea italiana della generazione post-1945, ebrea da generazioni da parte di entrambi i genitori. Sento il bisogno impellente in queste ore di angoscia e di guerra tra Gaza Palestina e Israele di rivolgermi ad altri ebrei italiani perché non riesco a credere che non provino lo stesso sgomento e la stessa repulsione per la carneficina che Israele sta compiendo a Gaza. Non si mira a distruggere un nemico armato, non sono due eserciti ad affrontarsi: si sta sterminando un’ intera popolazione civile, perché il nemico è ovunque, in un fazzoletto di terra che stipa in 365 kmq un milione e ottocentomila persone, il nemico è sotto la terra sopra la quale c’erano case e scuole e negozi e ospedali e strade, c’è la gente, e se vuoi colpire chi sta sotto la terra è giocoforza ammazzare chi ci sta sopra a quella terra, anche un bambino lo capisce:, ma fanno finta di non saperlo gli strateghi sottili di questo orrore infinito che si dipana

Come facciamo a tacere di fronte a questa ingiustizia suprema, noi che per millenni siamo stati costretti a nasconderci nei ghetti per vivere, che venivamo additati come responsabili di nefandezze mai sognate, obbligati a convertirci a volte per non essere bruciati sui roghi?

Israele ha fondato uno Stato nel 1948 su terra altrui, sappiamo come e perché, ciò è stato accettato dal consesso internazionale e nel 1988 è stato accettato dall’OLP. I Palestinesi hanno riconosciuto il diritto di Israele a esistere, ma Israele dal 1967 occupa terra non sua, e lo sa. Per anni e anni si è detto: quella terra occupata serve a fare la pace: territori in cambio di pace. Questo è stato il refrain che però è stato nel corso del tempo sepolto da guerre non più di difesa come nel 1967, ma di attacco, a partire dalla sciagurata invasione del Libano.

Come facciamo a non riconoscere che Israele ha scientemente, e per decenni ormai, rifiutato di addivenire a un compromesso sulle colonie, non ha mai smesso di costruirne e di avanzare annettendosi di fatto i territori su cui doveva negoziare, annichilendo la base pur ambigua ma reale che era l’accordo di Oslo. Ha contribuito a creare Hamas, che in arabo significa “collera giusta”, e poi ne ha tollerato la crescita in funzione anti-OLP, ha reso la vita dei palestinesi una lotta per sopravvivere anche in Cisgiordania, e ha violato tutte le risoluzioni dell’ONU che gli imponevano di tornare alla famosa “Linea verde”. Ha rubato altra terra palestinese costruendo la barriera di 700 km, dichiarata illegale dalla Corte dell’Aia ma tuttora in piedi. E ora con il pretesto dell’uccisione di tre ragazzi di cui Hamas non ha mai riconosciuto la responsabilità, un’ accusa che non è stata corroborata da prove, ha scatenato una guerra non a Hamas ma a tutto un popolo. Non si può uccidere, annientare un popolo per sconfiggere un nemico che ha il diritto di difendersi. E le richieste di Hamas non sono altro che le richieste della popolazione di Gaza: fine dell’assedio di sette anni, fine dello strangolamento.

Israele ha diritto a esistere DENTRO dei confini riconosciuti internazionalmente, ma dal 1982 è aggressore e viola il diritto internazionale. Per avere la pace deve rinunciare alla folle idea di avere TUTTA la terra per sé e cacciarne chi ci abitava prima che arrivassero i primi coloni ebrei a fine ottocento .La guerra di Israele è non solo omicida ma è suicida: guardiamo al Libano che sta insieme ancora per miracolo, alla Siria distrutta, all’Irak che va a pezzi, ai palestinesi che sono la maggioranza in Giordania, all’avanzare dell’islamismo salafita e jihadista in Africa settentrionale e occidentale, in Kenya, in Nigeria.

Quale avvenire promette la guerra infinita di uno stato di apartheid? Quali possibilità invece apre il riconoscimento di diritti eguali ai palestinesi e alle migliaia di rifugiati e immigrati che anche in Israele spiaggiano cercando una vita e un avvenire migliori? Quali prospettive aprirebbe uno Stato multiculturale, bi-nazionale e veramente democratico in Medioriente? Quale salutare rimescolamento di carte? Apriamo gli occhi, abbiamo il coraggio di guardare in faccia la realtà, e gridiamo il nostro rifiuto di questo orrore e di questa politica di distruzione e morte che si ritorce contro chi la persegue.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.