Home Gruppi e Movimenti di Base Francia: «Rinunciamo all’eucarestia in solidarietà con chi ne è escluso». di I.Colanicchia

Francia: «Rinunciamo all’eucarestia in solidarietà con chi ne è escluso». di I.Colanicchia

Ingrid Colanicchia
Adista Notizie n. 41 del 22/11/2014

Niente eucarestia fino al prossimo Sinodo in solidarietà con quanti ne sono esclusi. È quello che hanno annunciato, invitando altri fedeli ad aderire, Anne Soupa e Christine Pedotti, fondatrici prima del Comité de la jupe – il “Comitato della gonna”, movimento nato dall’esigenza di vedere riconosciuta pari dignità alle donne nella Chiesa cattolica –, e poi della Conferenza dei battezzati e delle battezzate di Francia.

«Nei fatti, solo i divorziati risposati, che sono considerati peccatori, più specificamente, adulteri, sono esclusi dall’eucaristica», spiegano sul sito che hanno realizzato per promuovere l’iniziativa (http://communionpourtous.com/). «Il loro primo matrimonio è sempre considerato valido e la loro nuova unione li mette in stato di peccato permanente. Non possono confessarsi perché non possono pentirsi e manifestare l’intenzione sincera di non ricadere nel loro peccato. Le unioni omosessuali stabili (oggi, in Francia, i matrimoni di persone dello stesso sesso) ricadono evidentemente sotto la stessa condanna». «Gli esempi sono molteplici – proseguono – ma la regola, così com’è espressa, non entra nei particolari. Non conosce alcun carattere progressivo o graduale, solo il “tutto o niente”. Questo vicolo cieco è stato uno dei temi della prima tappa del Sinodo sulla famiglia. Per uscire da questa impasse, alcuni promuovono quella che definiscono “la comunione di desiderio”, che consiste nell’unirsi con l’intenzione alla comunione eucaristica senza parteciparvi realmente. Questa soluzione ci sembra decisamente negativa – è l’opinione di Soupa e Pedotti – ma noi la sperimenteremo, perché accetteremo volontariamente di metterci in questa situazione».

«Perché lo facciamo?»: «Pensiamo che l’esclusione “di fatto” di molti membri della Chiesa sia una grave sofferenza non solo per coloro che sono esclusi, ma anche per la Chiesa intera, che è come mutilata, ferita da questa esclusione che pratica su stessa». «Manifestiamo anche che la comunione eucaristica non è un atto privato, una sorta di soliloquio tra il credente e il suo Dio, ma un atto che è celebrato e nel quale tutta la comunità, tutta la Chiesa è impegnata». La scelta di questo digiuno, proseguono, la «viviamo come una preghiera rivolta a Dio affinché illumini coloro che hanno la responsabilità di far vivere la comunione, i vescovi e il papa, durante la prossima tappa del Sinodo».

In termini concreti, «quando andremo a messa, al momento della processione di comunione avanzeremo verso il celebrante con le mani incrociate sul petto e chiederemo la sua benedizione. È il gesto che fanno i bambini che non hanno ancora l’età per fare la comunione e che certi preti raccomandano ai divorziati risposati».

«Il nostro gesto – che sarà accompagnato da un simbolo di riconoscimento, un distintivo da appuntare con la scritta “Sono in comunione con i miei fratelli e le mie sorelle divorziati/e risposati/e e omosessuali” – è veramente un digiuno, non uno sciopero, nella misura in cui non chiediamo niente a nessuno, se non a Dio nella preghiera affinché ci illumini e faccia conoscere ciò che è buono per la sua Chiesa. Iniziamo questa esperienza portando una domanda», concludono: «La risposta non spetta a noi».

4 comments

margherita sabato, 13 Dicembre 2014 at 07:37

Condivido la scelta coraggiosa di queste due donne . E’ un grande segno di solidarietà e di amore verso quell’umanità esclusa dalla Cena del Signore che è venuto per tutti . Speriamo che anche in Italia in ambiente cattolico romano ci sia qualche segno volto in questa direzione.

Reply
Sandro sabato, 13 Dicembre 2014 at 18:47

Sono evangelico valdese : da noi la Santa Cena non esclude nessuno: non esclude i divorziati/e e non esclude gli omosessuali, uomini e donne. Gesù non esclude nessuno ed è venuto proprio per salvare i peccatori/peccatrici e non per i giusti. Escludere da parte cattolica romana modelli di chiesa differenti è un ostacolo al Cammina Ecumenico verso l’unità della chiesa. La mia solidarietà va a queste due donne francesi coraggiose. Che senso ha dire nel Credo Di Nicea Costantinopoli : credo la chiesa , una, quando di fatto la chiesa romana pone questi ostacoli all’unità dei cristiani?
sabato , 13 dicembre 2014

Reply
Casimira Furlani, detta Mira domenica, 14 Dicembre 2014 at 11:33

Nel Vangelo si legge: “quando due o tre si riuniranno nel mio nome Io sarò in mezzo a loro”. Perché “elemosinare” una inclusione all’Eucarestia celebrata da “funzionari” della chiesa cattolica romana? Perché il movimento Comité da la jupe non guarda alle porte aperte dal Vangelo di Gesù e si prende la libertà di entrare, come fanno le comunità cristiane di base dal 1968?
(Leggere l’ articolo “SACERDOZIO FEMMINILE, NO GRAZIE) di M. Furlani, nelle News dalla base di questa settimana).

Reply
anne soupa martedì, 16 Dicembre 2014 at 09:46

Ringrazio tutti quelli che noi aiutano con le loro parole. Il Corpo di Nostro Signore non e SOLO nel pane, ma nella COMMUNITA che non deve essere distrutta. Sarrebbe bene che In Italia anche, questo modo di solidarieta se sviluppe. Auguri di buon Natale a tutti, e speriamo que nostre forze saranno sufficiente.

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.