Home Europa e Mondo Vanessa e Greta, quanta ignoranza negli insulti alle due volontarie

Vanessa e Greta, quanta ignoranza negli insulti alle due volontarie

Sabrina Ancarola
www.articolo21.org

Sono passati quasi 4 anni dall’inizio del conflitto in Siria, 200.000 le persone uccise, ad oggi avere un quadro obbiettivo della situazione di questa nazione è alquanto difficile. Nell’anno appena trascorso le vittime, secondo l’Osservatorio dei Diritti Umani Siriano, sono state 76.021. L’UNHCR ha stimato che ci siano 7,2 milioni di profughi siriani interni e 3,3 rifugiati all’estero, 1,9 milioni di sfollati interni in Iraq e 190.000 espatriati, dei 13,6 milioni di sfollati in Siria e in Iraq molti non hanno né cibo né casa. La Siria non è un paese lontano, ma la percezione che alcuni italiani hanno di questo paese è quella di una nazione felice che ad un certo punto è stata invasa da terroristi tagliagole il cui unico scopo è quello di sterminare quante più persone possibili e sottomettere le donne.

Gli stessi italiani che in questi giorni hanno di nuovo vomitato il loro odio, condito da ignoranza, contro Greta Ramelli e Vanessa Marzullo, le due giovani volontarie italiane rapite in Siria il 31 Luglio 2014.

La Siria è un paese dove fino a pochi anni fa si lavorava, i bambini frequentavano le scuole, gli ospedali non erano stati bombardati e si veniva incarcerati se si esprimevano posizioni contro la politica della famiglia degli al-Assad, se si faceva parte della minoranza curda o se si difendevano i diritti umani denunciando i soprusi del regime. Nel Marzo 2011 la repressione contro chi manifestava in opposizione al governo è stata violenta tanto da innescare reazioni in tutto il paese e diventare poi una vera e propria guerra civile. In questo lasso di tempo la Siria è stata lasciata a sé stessa, non c’è stato alcun intervento dell’Onu e si sono infiltrati nel paese diversi gruppi terroristici. Sono state le persone comuni le maggiori vittime dei bombardamenti e degli scontri armati: uccise, torturate, ferite, sfollate. Persone a cui mancano i più basilari mezzi di sostentamento, persone che rischiano la vita restando su un territorio di guerra o rischiano la vita cercando di fuggirvi.

In questi anni ho potuto osservare organizzazioni umanitarie piccole e grandi che si sono spese per diffondere le notizie riguardo questa catastrofe umanitaria, ho conosciuto volontari che non hanno lesinato le loro energie per cercare di portare aiuti in Siria e nei paesi confinanti che ospitano i profughi. Non è stato aperto alcun corridoio umanitario, gli intrecci della politica internazionale, così fragili, non hanno offerto alcuna mediazione fra le parti e la violenza ha continuato, in modo sempre più crescente, a farla da padrona.

Essere obbiettivi riguardo la Siria è difficile, onestamente non ho conoscenze tali che mi permettano di avere un quadro oggettivo della situazione, la morte, la distruzione delle persone e delle future generazioni siriane sono però una tragica certezza su cui dovremmo riflettere. Greta Ramelli e Vanessa Marzullo erano andate in Siria con l’intenzione di portare conforto ad una popolazione duramente ferita proprio mentre qua, in Italia, alcune persone egoiste e abbrutite dall’odio inneggiavano agli affondamenti dei barconi dei migranti. In questi ultimi giorni è stato diffuso un video in cui le ragazze rapite chiedevano aiuto al governo italiano per il loro rilascio, i commenti da parte di alcuni nostri concittadini italiani sono stati deliranti.

Fra i commenti meno duri ricorre spesso la frase “avrebbero dovuto aiutare gli italiani e non andare in una zona di guerra”. Mi viene da pensare che noi italiani la guerra non ce la ricordiamo proprio e che molti di questi commentatori non facciano assolutamente niente per aiutare il loro prossimo. Inoltre sulla vicenda osservo spesso il susseguirsi di critiche volgari e sessiste, persone che vaneggiano rigurgitando tutto il loro livore su queste due giovani donne ree di aver cercato di portare assistenza a chi soffre, persone che dicono di fregarsene delle due ragazze e intanto come veri e propri sciacalli “sfruttano” la notizia per raccattare like e diffondere notizie false.

Leggendo alcuni di questi commenti mi torna ancora una volta in mente il motto di Don Milani “I Care” (m’importa, mi sta a cuore) nato in contrapposizione al motto fascista “me ne frego”.
Non conosco Greta e Vanessa, ma spero con tutto il cuore che la vicenda si concluda con la loro liberazione il prima possibile, mi auguro che insieme a loro venga liberato anche Padre Paolo Dall’Oglio di cui non si hanno più notizie dal luglio del 2013. Spero inoltre che venga liberato anche Giovanni Lo Porto, cooperante palermitano rapito in Pakistan nel Gennaio 2012. I Care.

————————————————

Soltanto perché il mondo sappia

Federica Tourn
www.riforma.it

Le reazioni al rapimento di Greta Ramelli e Vanessa Marzullo dicono poco sulla loro sorte ma molto di noi. Sullo sfondo, una guerra dimenticata da tutti

Un video. 23 secondi. E si riaccende la speranza. Greta Ramelli e Vanessa Marzullo, 21 e 22 anni appena compiuti, sono vive e chiedono all’Italia di fare presto perché sono in pericolo di vita.

Certo, un video per fare pressione sulle trattative per il riscatto e inoltre un video di cui non si sa molto: pare sia stato girato a novembre e di sicuro la data del 17 dicembre, segnata a mano sul foglio che Vanessa tiene in mano, è fittizia. Però è già qualcosa: ci dice che, probabilmente, in quanto oggetto di trattativa, sono vive. Sarebbero prigioniere di Al Nusra, la costola siriana di Al Qaeda: tutto sommato una buona notizia, perché di tutte le forze in gioco sul devastato territorio siriano – se si esclude quel che resta dell’Esl, l’Esercito Siriano Libero, composto dai ribelli che avevano preso le armi contro Assad dopo lo scoppio della rivoluzione – Al Nusra rappresenta oggi la parte meno radicale e violenta dell’islam in guerra. Certo meno dell’IS, lo Stato Islamico di Abu Bakr al-Baghdadi, che ha fatto irruzione nell’immaginario occidentale con il terrore delle decapitazioni della scorsa estate. Il fatto che le due ragazze siano in mano ad Al Qaeda, oggi, rappresenta così l’ipotesi meno drammatica.

Molto più di questo, non siamo in grado di dire. Il resto è compito dell Farnesina e dell’intelligence, che in tutti questi mesi non hanno mai smesso di seguire il caso.

Rapite il primo agosto nei pressi di Aleppo, Vanessa e Greta non sono due sprovvedute in gita scolastica fuori porta. Conoscono la situazione, sono già state in Siria, tutto il loro tempo in Italia lo hanno passato a raccogliere fondi per la popolazione costretta sotto gli scud del regime.

Greta i fine settimana li passa alla stazione di Milano a portare aiuti ai profughi e a raccogliere le loro storie. Ad appena vent’anni sa che entrambe le cose sono fondamentali: sopravvivere e salvare la memoria. Scrive quello che le raccontano, custodisce quel che resta della vita quotidiana spezzata degli uomini e delle donne che incontra. Al telefono, meno di un anno fa, mi diceva: l’unica cosa che mi importa è che il mondo sappia.

Il mondo sa, ma se ne frega, per lo più. E’ esattamente questo che a vent’anni non puoi accettare.

Vanessa e Greta sono state rapite nella terra siriana che avevano deciso di aiutare. E’ successo a loro come, qualche mese prima, era successo a Domenico Quirico o a padre Paolo Dall’Oglio, entrambi esperti conoscitori delle zone: uno è tornato, dell’altro non si hanno più notizie. Càpita, quando valichi certe frontiere: molto fanno i contatti, molto di più il giorno buono – la fortuna insomma. Eppure per le due ventenni si è sprecato il peggio della nostra insipienza di occidentali, della nostra vigliaccheria di italiani bravi a sputare sentenze via social. Non parlo delle centinaia di commenti misogini e crudeli del commentatore più o meno anonimo su facebook o sulle pagine dei quotidiani online, ma dei politici e di quei sedicenti giornalisti che hanno detto, in buona sostanza e senza mezzi termini, che se la sono andata a cercare e che dovevano “stare a casa a giocare con le bambole”.

I più moderati, afflitti dalla terribile malattia del buon senso, si sono limitati a dire che sono state due “avventate”. Certo, che cosa ci vuole, a posteriori, a definire avventata l’entrata in un paese in guerra, da cui anche le grandi organizzazioni umanitarie sono andate via? Non certo molta intuizione o particolare acume. Che cosa pensare poi di chi rischia per qualcuno che nemmeno conosce? Immagino che a molti non sarà parso vero bollare il coraggio e l’altruismo di Greta e Vanessa come stupidità; non sempre è facile riconoscere negli altri cosa manca in noi.

Così ci è toccato vedere l’invidia per lo slancio di umanità altrui tramutato in meschino risentimento: chi pagherà il riscatto, non dovrebbero almeno sborsarne una parte loro? Il 2 per cento è adeguato?

Ma fatele tornare, prima, per favore. Fatele tornare, pregate che tornino; nell’attesa tacete. Non usatele come simboli di qualche fazione o ideologia – pro o contro islam, pro o contro patriarcato trionfante o morente – non fate trasmissioni dotte sulle loro espressioni facciali e su quanto siano pallide sotto quel velo: da cinque mesi sono sotto sequestro e nessuno può immaginare quali pensieri le abbiano attraversate. Avete mai avuto paura di morire – morire davvero, subito, come il condannato a morte di Dostoevskij? Ecco, immaginate che cosa può voler dire averla sempre, di continuo, giorno e notte.

Che poi nessuno mi toglie la convinzione che Greta e Vanessa, 21 e 22 anni, nella loro “avventatezza” sono andate da sole in uno dei posti più crudeli del mondo anche perché tutti quelli che avevano il potere di fare qualcosa – la politica, la cooperazione internazionale – lo avevano ormai abbandonato. Su di loro e sul nostro immobilismo, prima di tutto, ricade la responsabilità della vita in sospeso di due ventenni.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.