Home Gruppi e Movimenti di Base APPELLO per la difesa della liberta’ religiosa in Italia

APPELLO per la difesa della liberta’ religiosa in Italia

a cura del Comitato Promotore nazionale della Giornata ecumenica del dialogo cristiano-islamico

L’approvazione da parte della Regione Lombardia di una legge che limita la possibilità di realizzare luoghi di culto, con l’obiettivo dichiarato di impedire la costruzione di moschee, viola la “Dichiarazione universale dei diritti umani” dell’ONU, l’art. 6 del Trattato dell’Unione Europea (e art. 17 del Trattato di Funzionamento UE) e la nostra Costituzione agli articoli 2 (tutela dei diritti fondamentali), 3 (principio di uguaglianza), 8 (tutela delle confessioni religiose), 19 e 20 (libertà di culto).

La libertà religiosa, peraltro, è calpestata anche da molti organi di informazione che, quotidianamente ed in modo esasperante, diffondono notizie, spesso non verificate o false, che tendono a creare un clima di intolleranza e violenza verso i credenti musulmani prendendo spunto dalle azioni di gruppi terroristici, se-dicenti islamici, negando così di fatto il principio costituzionale sancito dall’art. 27 il quale stabilisce che “la responsabilità penale è personale”.

Per tali motivi il Comitato promotore nazionale della giornata ecumenica del dialogo cristiano-islamico, composto da associazioni, giornali, singole personalità della cultura sia musulmani sia cristiani, insieme alle redazioni dei giornali che di seguito vengono riportati, lancia un appello per la difesa della libertà religiosa in Italia, e segnatamente per la realizzazione di una Legge sulla libertà religiosa.

Chiediamo a tutte le persone democratiche, alle organizzazioni laiche, a tutte le confessioni religiose italiane di prendere posizione contro tutte le iniziative legislative o amministrative o contro tutti quei mass-media che sostengono una nuova guerra di religione e fomentano il razzismo religioso che, quando si scatena, colpisce tutte le religioni indistintamente.

Non abbiamo bisogno di guerre, e meno che mai di quelle combattute nel nome di una qualsiasi fede o di Dio! Condividiamo l’idea espressa recentemente da alcuni consiglieri comunali di Pisa là dove si afferma che «Chi usa il nome dell’Islam per giustificare il proprio terrorismo offende e diffama l’Islam così come chi usasse il nome del Cristianesimo per giustificare la propria violenza diffamerebbe il cristianesimo».

Nessuno più deve essere discriminato per la sua appartenenza religiosa. Basta antisemitismo, basta islamofobia, basta cristianofobia!

Chiediamo infine alla società civile, a tutte le realtà associative e laiche, a tutte le comunità religiose cristiane e musulmane che dal 2001 hanno dato vita alla Giornata ecumenica del dialogo cristiano-islamico di riprendere le iniziative di sensibilizzazione della popolazione per impedire che il nostro popolo sia tirato dentro ad una sciagurata e folle guerra di religione scatenata per motivi politici.

Roma, 30 gennaio 2015
Il Comitato Promotore nazionale della Giornata ecumenica del dialogo cristiano-islamico

|
Primi firmatari (in ordine alfabetico)

Riviste

“Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo e notiziario telematico quotidiano “La nonviolenza è in cammino”
Adista, Roma
CEM Mondialità, Brescia
Confronti, Roma
EMI, Editrice Missionaria Italiana, Bologna
Giornale SENTIRE, Rovereto TN
Missione Oggi, Brescia
Pressenza, International Press Agency
QOL, Novellara RE
Riforma, Torino
Tempi di Fraternità, Torino
Viottoli, semestrale di formazione comunitaria, Pinerolo TO
www.ildialogo.org, Avellino

Associazioni/Comunità/Gruppi/Organizzazioni

Associazione Scuola di pace, Napoli
Associazione Life onlus e Tavolo incontri e dialoghi di Ravenna
Associazione Noi Siamo Chiesa, Roma
Associazione Convivio, Roma
Beppe Manni, per la Comunità del Villaggio Artigiano, Modena
CIPAX – Centro interconfessionale per la pace, Roma
Comunità cristiana di base Viottoli, Pinerolo TO
Comunità Musulmane del Ponente Ligure
Comunità “La Collina” di Serdiana, Cagliari
“Orientamenti Sociali Sardi”, Cagliari
SAE, Gruppo di Roma
Segreteria nazionale delle Comunità di Base Italiane
Unione delle Comunità Islamiche d’Italia, UCOII

Singoli

Adel Jabbar, sociologo, Trento
Enrico Peyretti, Torino
Gabriele Gabrieli, “in silenzio per la pace”, Mantova
Gianni Novelli, Roma
Giuseppe (Peppino) Leone, Cagliari
Hamza Piccardo, Editore, Imperia
Karima Angiolina Campanelli, Regista Teatrale, Caserta
Laura Caffagnini, Giornalista Parma
Marco Bontempi professore di sociologia Università di Firenze
Omar Camilletti, Giornalista Roma
Pierpaolo Loi, Cagliari

|
PER ADERIRE ALL’APPELLO: http://www.ildialogo.org/FormAdesioneAppelli.php?doc=libertareligiosa

TUTTE LE ADESIONI: http://www.ildialogo.org/ViewAppel.php?doc=libertareligiosa&nver=y

———————————–

COMUNICATO STAMPA – MINORANZE RELIGIOSE COMPATTE NEL CHIEDERE AI CONSIGLIERI REGIONALI DI NON VOTARE LA LEGGE ANTI-CULTO. INVITO AI CATTOLICI A SCHIERARSI A FAVORE DELLA LIBERTÀ DI CULTO

“La Regione Lombardia non sia fuori dai tempi”: questo l’invito di numerose comunità religiose lombarde che congiuntamente richiedono ai consiglieri lombardi della maggioranza di non approvare le proposte di modifica tutte peggiorative alla già ingiusta Legge Regionale urbanistica 12/2005 che limita di fatto la possibilità di costruire nuovo luoghi di culto non cattolici.

Gli ulteriori restringimenti normativi preoccupano infatti le comunità religiose non cattoliche che vedono compromesso il diritto di religione, costituzionalmente garantito, attraverso un utilizzo strumentale della legge urbanistica.

Ormai nota come le legge “anti-moschee”, se approvata, la normativa intaccherebbe la libertà di culto non solo dei musulmani ma di tutte le minoranze religiose. In particolare rendendo quasi impossibile la costruzione dei nuovi luoghi di culto per chi non confessa la religione cattolica.

Per questo le comunità religiose lanciano congiuntamente un invito ai singoli consiglieri regionali affinché esprimano voto contrario non schierandosi contro la libertà di culto.

Per Reas Syed, responsabile legale CAIM “si tratta di una legge non anti-moschee ma anti-culto in generale e che presenta numerosi profili di incostituzionalità ai consiglieri che la votano regaleremo la Costituzione Italiana”.

Samuele Bernardini, presidente della Chiesa Evangelica Valdese di Milano e Carlo De Michelis, presidente della Chiesa Evangelica Metodista di Milano dichiarano: “La proposta di legge regionale voluta dalla maggioranza dimostra ancora una volta che in Italia la tutela della libertà di religione e di pensiero non è un dato acquisto. Non basta la Costituzione, non bastano i principi di uguaglianza tra le comunità di fede presenti in Italia. Si riconosce alla Chiesa Cattolica quello che non si è disponibili a riconoscere alle altre fedi perché con questa legge si discriminano proprio i cittadini appartenenti alle confessioni religiose diverse dalla cattolica. Con ogni evidenza si tratta di norme anticostituzionali che vanno contro la libertà di culto e che saranno certamente bocciate dai ricorsi che inevitabilmente seguiranno l’eventuale approvazione del progetto di legge”.

La Conferenza Evangelica Nazionale, per mezzo del suo Presidente pastore Riccardo Tocco, evidenzia che “il Progetto di legge che verrà sottoposto al voto, frutto del lavoro in Commissione, non ha per nulla considerato le numerose Audizioni contrarie nella sostanza e nella forma al PDL, compresa quella della COEN che ha stigmatizzato come nell’ottobre scorso, la Commissione per i diritti umani dell’ONU abbia inviato tre raccomandazioni contro l’Italia sulla libertà religiosa ed una di queste riguarda proprio la legislazione lombarda sui luoghi di culto. ciò dimostra la gravità della situazione lombarda in materia di libertà di culto”.

La gravità della situazione risulta peraltro lampante perché il Consiglio Regionale dimostra di non avere una prospettiva sul futuro, ma nemmeno un adeguato rispetto per la storia.

Emblematico il fatto che la votazione in consiglio sia stata fissata proprio nel giorno della memoria della Shoah, funestandone le celebrazioni con una legge che impedirà in futuro anche agli ebrei di costruire nuovi luoghi di culto.

E’ opinione condivisa che la Lega non potrà garantire maggiore sicurezza spingendo i musulmani a rinchiudersi negli scantinati.

Stupisce la posizione del NCD che nonostante si sia sempre a favore delle libertà dei cristiani nel medio oriente, vuole negare in Lombardia gli stessi diritti a tutte le altre minoranze religiose. E sorprende anche l’atteggiamento di Forza Italia che in quest’occasione sembra essersi dimenticata del concetto di “libertà” che è sempre stato il suo baluardo politico.

Le comunità religiose si ritrovano a fare appello alla coscienza dei singoli consiglieri regionali e richiedono loro di non votare una legge che non è al passo coi tempi e che compromette il godimento del libero esercizio del culto.

Per conto dei vari fedeli viene così richiesto alla Regione Lombardia di tenere conto della tutela dei diritti fondamentali sanciti dalla Costituzione e dai Trattati internazionali e, in particolare, del principio di libertà dei diversi culti.

Dalla preoccupazione delle comunità nasce la volontà di rafforza il dialogo interreligioso, invitando anche il cardinale Scola e la comunità cattolica che in ogni caso non sarebbe colpita dal provvedimento.

Le minoranze religiose si auspicano infatti che anche la diocesi di Milano e le altre diocesi lombarde si esprimano esplicitamente contro questo progetto di legge illiberale, in coerenza con i propositi più volte espressi per un dialogo interreligioso che favorisca la coesione sociale e il rispetto dei valori costituzionali.

Ciò per testimoniare che i principi di tolleranza e fratellanza sono valori condivisi da tutte le fedi presenti in Lombardia.

Aderiscono all’appello il movimento “Noi siamo Chiesa”, la Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzione e il circolo di Milano dell’UAAR – Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti denuncia la gravità di una legge che discrimina tra cittadini cattolici e non cattolici, e aderisce alla richiesta fatta dalle comunità religiose perché i consiglieri regionali lombardi non si attengano alla disciplina di partito, ma votino secondo coscienza in difesa della libertà di religione e di pensiero, così come voluta dalla Costituzione della Repubblica in modo uguale per tutti i cittadini.

Reas Syed, Responsabile Legale Coordinamento Associazioni Islamiche Milano-Monza Brianza
Samuele Bernardini, Presidente del Concistoro Chiesa Evangelica Valdese di Milano
Vittorio Bellavite, Coordinatore del movimento cattolico “Noi Siamo Chiesa”
Riccardo Tocco, Presidente Nazionale della Conferenza Evangelica Nazionale
Luisa Bordiga, Consulta Milanese per la Laicità delle Istituzioni
Valeria Rosini, UAAR, Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.