Home Politica e Società Quanto sono laiche le associazioni che prendono il 5 per mille? di Uaar

Quanto sono laiche le associazioni che prendono il 5 per mille? di Uaar

Uaar, Unione degli atei e degli agnostici razionalisti
www.uaar.it

Si avvicina il momento di compilare la propria dichiarazione dei redditi e l’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (Uaar) – con l’obiettivo di fornire quante più informazioni possibile per effettuare una scelta consapevole – ha pensato di offrire ai contribuenti uno strumento per giudicare il grado di laicità di 40 fra le associazioni che – insieme all’Uaar – concorrono alla ripartizione dei fondi statali messi a disposizione ogni anno sotto la voce “5 per mille” (quantificate per l’anno 2014 in 400 milioni di euro).

Un progetto – il Laicometro – che nasce per verificare se e quanto il mondo del non profit sia laico, anche se non è ovviamente tenuto a esserlo. È legittimo infatti avere finalità confessionali o clericali ed è altrettanto legittimo – pensiamo – darne notizia a tutti i potenziali interessati.

La ricerca, condotta dai soci Uaar, ha preso in considerazione cinque criteri: la neutralità dello statuto; la neutralità degli spazi; la pluralità dei convegni organizzati; la promozione o meno di atti di culto; l’attenzione per alcuni temi laici (precisamente: laicità della spesa pubblica, laicità della scuola, diritti riproduttivi, diritto di famiglia, diritti sessuali, libertà di espressione, scelte di fine vita).

A ognuna delle associazioni è stato assegnato un punteggio per ognuno dei criteri esaminati: +2 impegno concreto pubblico in direzione laica; +1 impegno al proprio interno in direzione laica; 0 neutralità; -1 impegno al proprio interno nella direzione opposta; -2 impegno concreto pubblico nella direzione opposta.

Le più laiche risultano essere ActionAid e Amnesty International (che totalizzano un totale di 4 punti); seguite da Amref, Auser, Federconsumatori e FISH (con un punteggio di 3). La meno laica in assoluto, di quelle in esame, è l’Ai.Bi. Amici dei Bambini che si occupa di abbandono minorile e che totalizza il massimo del punteggio negativo (-10): lo statuto non contiene elementi religiosi, ma l’associazione, condividendone valori e finalità, è legata alla Fondazione Ai.Bi., istituita dall’associazione di fedeli cattolici “La Pietra Scartata”, fa parte del Forum delle associazioni familiari e sul suo sito – dove si legge che scopo dell’associazione «è tentare di dare ad ogni bambino abbandonato una famiglia» – non mancano esplicite condanne delle adozioni omosessuali. Secondo gli ultimi dati disponibili, nel 2012 Ai.Bi. ha ricevuto poco più di 160mila euro dai fondi 5 per mille.

Seguono l’Ai.Bi. a distanza ravvicinata (totalizzando entrambe -7) l’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica – che nello statuto si dichiara aconfessionale ma è fermamente contraria all’eutanasia e in passato ha partecipato al Meeting di Rimini di Comunione e Liberazione, con cui ha anche collaborato – e Ant Italia, che si occupa di assistenza socio-sanitaria domiciliare oncologica, che ha statuto neutro ma è contro l’eutanasia.

Complessivamente delle 40 associazioni monitorate 15 registrano segno negativo, altrettante segno positivo e le restanti 10 neutralità: ma il tasso di laicità globale è piuttosto basso, registrando come picco un misero +4. E infatti la somma dei dati porta segno negativo.

Nelle note relative a ogni associazione sono linkate le fonti, affinché ognuno possa valutare l’operato. La ricerca è stata condotta quasi esclusivamente in base a quanto disponibile su internet. L’Uaar è la prima a ritenerla un esperimento da perfezionare e si rende pertanto disponibile ad accogliere osservazioni e consigli sia da parte delle associazioni citate, che da parte dei nostri lettori.

1 comment

Bruno Antonio Prof.Bellerate lunedì, 20 Aprile 2015 at 10:08

Non sa di “ideologia” questo intervento?… Sono monitorate 40 associazioni su quante? E poi, da quando la “laicità” (magari intesa in un senso più critico di quello usato nell’intervento) deve essere un criterio di scelta per le donazioni che si fanno, pur da parte di…clericali?

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.