Home Chiese e Religioni Il teologo Küng “Nella Chiesa è in atto la restaurazione”

Il teologo Küng “Nella Chiesa è in atto la restaurazione”

a cura di Andrea Tarquini
in “la Repubblica” del 27 gennaio 2009

«Voglio aspettare a prendere una posizione su questa polemica, perché in gioco ci sono problemi di
fondo. Voglio prepararmi a dire la mia sugli aspetti cruciali del processo in corso. Perché la
questione di questi quattro vescovi è solo da vedere nel contesto generale di una restaurazione».
Così il famoso “teologo ribelle” tedesco il professor Hans Küng commenta al telefono con La
Repubblica e altri media internazionali la situazione nella Chiesa cattolica dopo il ritiro della
scomunica del vescovo negazionista Williamson e degli altri tre presuli della Confraternita
ultraconservatrice fondata da Monsignor Lefebvre. Nella Chiesa cattolica tedesca prevalgono pareri
fortemente contrari, La teologa Uta Ranke-Heinemann parla di «responsabilità vergognose».

Professor Küng, quanto è importante la revoca della scomunica contro i quattro vescovi?

«I significati fondamentali li ha il processo generale in corso. La questione della revoca della
scomunica ai quattro vescovi sopra citati secondo me, da sola, di per sé non è davvero importante,
ma ha un significato e va vista e inquadrata in un contesto generale di restaurazione».

Che significato hanno questo contesto generale e gli ultimi eventi?

«Nel contesto generale gli ultimi eventi sono un segno del continuo irrigidimento del Vaticano, la
continua marcia indietro, il continuo susseguirsi di un passo indietro dopo l´altro. Voglio pensare e
prendere posizione sugli eventi in questo contesto, sto riflettendo ancora su come farlo».

Quanto è preoccupante e serio questo processo?
«È molto preoccupante. Ma voglio aspettare ancora qualche giorno, farò attendere ancora un po´ la
mia voce».

Eppure per il caso Williamson fedeli e opinioni pubbliche sono sotto shock, che ne dice?
«Williamson è solo un aspetto del contesto generale. Non l´unico. Per quanto l´antisemitismo sia
ributtante e da respingere, l´insieme dello sviluppo in corso è molto più carico di serie conseguenze.
Stiamo parlando di persone che non hanno ancora sottoscritto la dichiarazione sulla libertà di
religione e il decreto sugli ebrei (i documenti conciliari, ndr)».

Cioè il problema non è solo la polemica cristiani-ebrei bensì le idee di fondo della Chiesa sul suo posto nel mondo moderno?
«Sì. La questione è l´insieme del corso che Papa Ratzinger ha fatto imboccare alla Chiesa.
Purtroppo un percorso significativamente all´indietro».

Anche rispetto a Papa Wojtyla?
«Sì. Certo, Papa Wojtyla ha saputo evitare alcuni errori, e sapeva meglio parlare alla gente. E fu lui
a scomunicare i vescovi di Lefebvre. Ecco un altro esempio di passo indietro oggi. In generale, la
volontà di riconciliazione con i membri della confraternita è da valutare positivamente. Ma insisto,
resta del tutto non chiaro se questi vescovi riconoscano il Concilio Vaticano II o se rispettino il
decreto sulla libertà religiosa».

Il Papa vive davvero nel mondo moderno, capisce i fedeli?
«Il Pontefice vive nel suo mondo, si è allontanato dagli uomini, e oltre a grandi processioni e
pompose cerimonie, non vede più i problemi dei fedeli – risponde Küng alla tv svizzera – Per
esempio la morale sessuale, la cura pastorale delle anime, la contraccezione. La Chiesa è in crisi, io spero che egli lo riconosca. Sarei felice di passi di riconciliazione specie verso gli ambienti dei
fedeli progressisti. Ma Benedetto non vede che sta alienando se stesso dalla gran parte della Chiesa cattolica e della cristianità. Non vede il mondo reale, vede solo il mondo vaticano».

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.