Home Chiese e Religioni Attriti ecumenici

Attriti ecumenici

Nev, 5 ottobre 2011

Sul caso De Pero il presidente dell’UCEBI cita la Carta Ecumenica

La vicenda del parroco cattolico di Monte Cetrignone passato alla chiesa battista di Cesena
– “Ci impegniamo a riconoscere che ogni essere umano può scegliere, liberamente e secondo coscienza, la propria appartenenza religiosa ed ecclesiale… a nessuno può essere impedita una conversione che sia conseguenza di una libera scelta”. E’ questo il principio – sancito dalla Carta Ecumenica, documento fondamentale del cammino ecumenico europeo sottoscritto da cattolici, ortodossi e protestanti del continente – che il pastore Raffaele Volpe, presidente dell’Unione cristiana evangelica battista d’Italia (UCEBI), ha voluto ricordare in una lettera aperta indirizzata a mons. Luigi Negri, vescovo di San Marino-Montefeltro, riguardo al caso di Luca De Pero, l’ex parroco cattolico che ha recentemente aderito alla chiesa evangelica battista di Cesena.

La lettera di Volpe è stata determinata dalla necessità di replicare ad alcune dichiarazioni al vetriolo di mons. Negri che ha descritto la vicenda di De Pero come “un grave colpo alla nostra Chiesa” sferrato dal “padre delle tenebre e della menzogna”, descrivendo l’atteggiamento del sacerdote come “un attacco al dogma cattolico” e “una posizione eretica e scismatica”.

Di certo le motivazioni della conversione di De Pero, rese note dallo stesso sacerdote in un messaggio nel quale egli descrive la sua esperienza della chiesa cattolica come “un magnifico castello costruito su rituali, cerimonie, gerarchie, una magnifica costruzione umana ma con poco di divino dentro”, saranno comprensibilmente dispiaciute al vescovo, ma secondo Volpe, non giustificano il linguaggio e il tono offensivo verso la chiesa battista utilizzato dal presule.

Piuttosto, il presidente dell’UCEBI ritiene pertinente il richiamo alla Carta Ecumenica che, in quanto sottoscritta dalla Conferenza delle chiese europee (KEK) a cui l’Unione battista italiana aderisce, e dal Consiglio delle Conferenze episcopali d’Europa (CCEE) di cui la CEI fa parte, vincola moralmente entrambe le chiese.

Un messaggio di solidarietà a De Pero è giunto anche dall’Alleanza evangelica italiana (AEI) che “invita tutte le persone coinvolte a moderare i toni della diatribe e a rispettare la scelta di quest’uomo che, fino a prova contraria, non ha forzato la mano a nessuno, né approfittato della buona fede degli altri”.

—————————————————-

ANATEMA DI MONS. NEGRI SUL PARROCO CONVERTITO ALLA CHIESA BATTISTA. ED È BUFERA
www.adistaonline.it

Un «atteggiamento dissennato» che «provoca scandalo» e che è opera del «padre delle tenebre e della menzogna». Non è certo con sobrietà e spirito ecumenico che il vescovo di San Marino-Montefeltro, il ciellino mons. Luigi Negri, ha accolto la notizia della conversione alla Chiesa battista di Luca De Pero, fino a quest’estate parroco a Montecerignone, nella sua diocesi.

Con questo gesto, definito dal vescovo «di attacco al dogma cattolico e alla disciplina ecclesiastica», l’ex parroco, secondo mons. Negri, avrebbe «assunto una posizione eretica quanto ai contenuti e scismatica quanto all’atteggiamento»: «Ci troviamo», si legge nel comunicato del vescovo pubblicato il 29 agosto scorso sul sito della diocesi, «di fronte ad una volontà determinata di rompere l’unità ecclesiale e a un atteggiamento che ha provocato e provoca lo scandalo di coloro che egli avrebbe dovuto educare nell’esperienza della Chiesa e nella loro maturazione ecclesiale e umana.

Non ho parole per descrivere i sentimenti che si affollano nel mio cuore se non riconoscere che, ancora una volta, il padre delle tenebre e della menzogna sferra un colpo grave alla nostra Chiesa». E, nell’invocare l’aiuto della Madonna nella speranza di «superare quest’avvenimento tremendo» e di tradurre «questa terribile prova in un’occasione per aumentare la nostra fede», il vescovo concludeva con l’auspicio che «il Signore abbia alla fine misericordia di chi, con quest’atteggiamento dissennato, inizia una vita negativa per sé e per coloro che, fidandosi di lui, potrebbero addirittura seguirlo».

Più pacate le parole del diretto interessato nel salutare la propria comunità e il vescovo: «Non lo giudico – dichiarava De Pero (canale youtube della Chiesa battista di Cesena, 27/8) –, anch’egli in fondo è una vittima di un sistema ecclesiale incapace di mostrare amore, fratellanza e vero dialogo». «Un figlio che vede la madre comportarsi male non può tacere in eterno, non cesserà di amarla, ma dovrà dire la verità prima o poi». «Ho compreso che la Chiesa nella quale mi trovavo ad operare e nella quale sono nato e cresciuto era come un magnifico castello costruito su rituali, cerimonie, gerarchie: una magnifica costruzione umana, ma con poco o nulla di divino dentro».

Venuto poi a conoscenza del fatto che De Pero ed altre tre persone avrebbero ricevuto il battesimo nella Chiesa Protestante Evangelica Battista di Cesena, a distanza di un mese, mons. Negri è tornato sull’argomento: «Credo si tratti di una manifestazione pubblica non tanto di adesione di fede, ma come ulteriore impegno ad offendere la Chiesa cattolica e la sua volontà», si legge in un comunicato del 21 settembre. «Quello che è evidente di questa vicenda è che ciò che muove iniziative, movimenti, gesti – conclude Negri – è ormai solo odio verso la nostra Chiesa».

Toni altrettanto fermi ma ben diversi quelli utilizzati dal presidente dell’Unione Cristiana Evangelica Battista d’Italia, Raffaele Volpe, in una lettera indirizzata al vescovo e, per conoscenza, al card. Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani. «Come interpretare la storia di un ex parroco che si converte a Cristo?», si chiede Volpe: «Molto semplicemente come la storia di una persona che non aveva ancora conosciuto Cristo e che lo ha conosciuto. Questa è una buona notizia, questo è evangelo! Che non avesse conosciuto Cristo in tanti anni nella Chiesa cattolica romana – prosegue – non è un giudizio verso la Sua Chiesa: quanti uomini e quante donne frequentano infatti le nostre chiese senza aver conosciuto Cristo?».

«Non è mio compito discettare sullo stato psicologico di De Pero e su qualche sua mancanza nei Suoi confronti e nei confronti della sua Chiesa. Questo, comunque – prosegue rivolgendosi direttamente al vescovo –, non giustifica il suo tono nei nostri confronti». «Come ben vede, questa lettera è inviata per conoscenza al Card. Koch, con la speranza che Egli possa ricordarLe che il linguaggio da Lei utilizzato non fa più parte, per bontà di Dio, del vocabolario ecumenico. Siamo passati per la porta stretta del reciproco rispetto e abbiamo abbandonato la porta larga della reciproca scomunica. E, benché la porta sia stretta, è senz’altro quella che il Cristo ha voluto che noi attraversassimo».

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.