Home Chiese e Religioni Contro Kasper un altro cardinale, anzi, due: De Paolis e Bassetti

Contro Kasper un altro cardinale, anzi, due: De Paolis e Bassetti

Sandro Magister
http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/ 4 maggio 2014

Dopo Carlo Caffarra su “Il Foglio” e Walter Brandmüller su “Die Tagespost” e “Avvenire”, un terzo porporato è intervenuto pubblicamente in forma ampia e approfondita sulla questione della comunione ai divorziati risposati, anche lui contro le tesi possibiliste sostenute dal cardinale relatore Walter Kasper nel concistoro del 20-21 febbraio.

È il cardinale Velasio De Paolis, 79 anni, missionario scalabriniano, canonista illustre, presidente emerito della prefettura degli affari economici della Santa Sede nonché delegato pontificio con pieni poteri sulla congregazione dei Legionari di Cristo, uno di quei solidi “vecchi curiali” nei cui confronti papa Francesco ha manifestato più volte la sua stima.

De Paolis si è schierato contro Kasper nella prolusione con cui lo scorso 27 marzo ha inaugurato il nuovo anno giudiziario del tribunale ecclesiastico regionale dell’Umbria, intitolata: “I divorziati risposati e i sacramenti dell’eucaristia e della penitenza“.

Il discorso di De Paolis, di ben 40 cartelle, è riportato integralmente nel sito web di questo stesso tribunale, di cui è “moderatore” l’arcivescovo di Perugia Gualtiero Bassetti, vicepresidente della conferenza episcopale italiana, unico vescovo residenziale italiano fatto cardinale lo scorso febbraio da papa Jorge Mario Bergoglio.

È stato proprio Bassetti a invitare De Paolis e a dargli la parola, presentando fin da subito la sua esposizione come “preziosa e molto attuale, per tutti noi un vero arricchimento”.

Ecco il passaggio in cui il cardinale De Paolis riassume e respinge le posizioni del cardinale Kasper:

“Che dire della domanda posta dal cardinale Kasper nel concistoro del 21 febbraio 2014? Essa viene spiegata nel modo seguente. La via della Chiesa è una via media tra il rigorismo e il lassismo, attraverso un cammino penitenziale che sfocia nel sacramento della penitenza prima e poi dell’eucarestia. Kasper si domanda se tale cammino è percorribile anche per i divorziati risposati. Egli indica le condizioni: «La domanda è: Questa via al di là del rigorismo e del lassismo, la via della conversione, che sfocia nel sacramento della misericordia, il sacramento della penitenza è anche il cammino che possiamo percorrere nella presente questione? Se un divorziato risposato 1. si pente del suo fallimento nel primo matrimonio, 2. se ha chiarito gli obblighi del primo matrimonio, se è definitivamente escluso che torni indietro, 3. se non può abbandonare senza altre colpe gli impegni assunti con il matrimonio civile, 4. se però si sforza di vivere al meglio delle sue possibilità il secondo matrimonio a partire dalla fede e di educare i propri figli nella fede, 5. se ha desiderio dei sacramenti quale fonte di forza nella sua situazione, dobbiamo o possiamo negargli, dopo un tempo di nuovo orientamento (metanoia), il sacramento della penitenza e poi della comunione?».

“Lo stesso Kasper osserva: «Questa possibile via non sarebbe una soluzione generale. Non è la strada larga della grande massa, bensì lo stretto cammino della parte probabilmente più piccola dei divorziati risposati, sinceramente interessati ai sacramenti. Non occorre forse evitare il peggio proprio qui?» (ossia la perdita dei figli con la perdita di tutta una seconda generazione). Egli poi precisa: «Un matrimonio civile come descritto con criteri chiari va distinto da altre forme di convivenza irregolare, come i matrimoni clandestini, le coppie di fatto, soprattutto la fornicazione, dei così detti matrimoni selvaggi. La vita non è solo bianco e nero. Di fatto, ci sono molte sfumature».

“Al di là delle buone intenzioni, la domanda non sembra che possa avere risposta positiva. Al di là delle differenti situazioni in cui i divorziati risposati vengono a trovarsi, in tutte le situazioni si riscontra sempre lo stesso problema: la illiceità di una convivenza ‘more uxorio’ tra due persone che non sono legate da un vero vincolo matrimoniale. Il matrimonio civile, di fatto, non è un vincolo matrimoniale; secondo le leggi della Chiesa non ha neppure l’apparenza di matrimonio, tanto che la Chiesa parla di attentato matrimonio. Di fronte a questa situazione non si vede come il divorziato possa ricevere l’assoluzione sacramentale e accedere all’Eucaristia. Spesso per legittimare l’accesso all’Eucarestia dei divorziati risposati si danno motivazioni che possono avere una parvenza di bontà e di legittimazione”.

Tra queste motivazioni De Paolis cita la “pastoralità” e la “misericordia”, di cui denuncia gli “equivoci” in due ampi paragrafi che così si concludono, con una trasparente allusione al “chi sono io per giudicare?”:

“Spesso, e giustamente, si dice che noi non siamo chiamati a condannare le persone; il giudizio infatti appartiene a Dio. Ma una cosa è condannare, un’altra è valutare moralmente una situazione, per distinguere ciò che è bene e ciò che è male; esaminare se essa risponde al progetto di Dio sull’uomo. Questa valutazione è doverosa. Davanti alle diverse situazioni della vita, come quella dei divorziati risposati, si può e si deve dire che non dobbiamo condannare, ma aiutare; però non possiamo limitarci a non condannare. Siamo chiamati a valutare quella situazione alla luce della fede e del progetto di Dio e del bene della famiglia, delle persone coinvolte, e soprattutto della legge di Dio e del suo disegno di amore. Altrimenti corriamo il rischio di non essere più in grado di apprezzare la legge di Dio; anzi di considerarla quasi un male, dal momento che facciamo derivare tutto il male da una legge. In un certo modo di presentare le cose verrebbe quasi da dire che se non ci fosse quella legge della indissolubilità del matrimonio staremmo meglio. Aberrazione che mette in luce le storture del nostro modo di pensare e ragionare”.

Quanto al cardinale Bassetti, molti prevedono che papa Francesco lo insedierà presto alla presidenza della conferenza episcopale italiana.Ma non sarà così. Bassetti sostiene con forza la permanenza in carica fino alla sua scadenza naturale, nel 2017, dell’attuale presidente, il cardinale Angelo Bagnasco, con il quale è legato da profonda stima. E risulta che anche il papa sia ora orientato a questo.

———————————————————–

Tutti a Roma col papa per la scuola. Ma Galantino non ci sta

Sandro Magister
http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/ 2 maggio 1014

“Tutti a Roma con papa Francesco!”. È questa la parola d’ordine dell’adunata di massa “per la scuola” che la Chiesa italiana ha in programma per il 10 maggio in piazza San Pietro, con la partecipazione dello stesso papa. Eppure, incredibilmente, quasi alla vigilia dell’evento, il segretario della conferenza episcopale italiana Nunzio Galantino è parso prendersela proprio contro iniziative come questa.

Il 1 maggio, nel discorso con cui ha aperto a Roma la XV assemblea nazionale dell’Azione Cattolica, Galantino ha detto: “Ma cosa volete che se ne faccia oggi il nostro mondo di una Chiesa che non trova di meglio, in alcune circostanze, che investire energie (troppe energie) per mettere su adunate che hanno ripetutamente mostrato il fiato corto e che alla lunga si sono mostrate assolutamente inconcludenti?”.

E ancora: “Ma cosa volete che se ne faccia oggi il nostro mondo di una Chiesa impegnata a difendere le proprie posizioni (qualche volta dei veri e propri privilegi) in un mondo che pullula di gente che già fa questo in nome della politica e che, per fortuna, qualche volta viene smascherata ed esposta al ridicolo?”.

È risaputo che proprio la scuola è uno dei cavalli di battaglia della polemica corrente contro i “privilegi” imputati alla Chiesa cattolica italiana.

Ma più verosimilmente Galantino non aveva in mente la scuola, in questo suo squalificare le adunate della Chiesa, ma la famiglia, con primo imputato il “Family Day” del 2007, ultimo atto della presidenza di Camillo Ruini nella CEI e primo atto del suo successore Angelo Bagnasco.

C’è un antefatto che lo prova. Lo scorso marzo, nell’ultimo consiglio permanente della CEI, dopo che il cardinale Bagnasco aveva pronunciato parole fortissime contro “la dittatura dell’ideologia del gender”, dopo che vari membri del consiglio erano intervenuti in suo appoggio, e dopo che lo stesso Bagnasco, nella replica, aveva affacciato l’idea di impegnare allo scopo la Chiesa italiana in un secondo “Family Day”, Galantino, appena all’udire una simile proposta e mentre ancora Bagnasco stava parlando, si agitò dando segni visibili di rifiuto.

Nel successivo discorso all’Azione Cattolica ha come messo per iscritto questo suo dissenso. Senza avvedersi però di travolgere nella squalifica anche l’imminente adunata con papa Francesco per la scuola.

E senza temere di contraddirsi con quanto aveva detto poco prima nello stesso discorso: “Oggi più che mai, come credenti, veniamo chiamati a dare sempre di più carattere pubblico e testimoniale alla nostra esperienza di fede.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.