Home Chiese e Religioni Tre temi al Consiglio di cardinali

Tre temi al Consiglio di cardinali

www.valledaostaglocal.it

Il Consiglio di cardinali è riunito da ieri, 1° luglio, a Santa Marta, e dei lavori ha riferito stamane, mercoledì, padre Federico Lombardi, direttore della Sala stampa della Santa Sede. Papa Francesco partecipa a tutte le riunioni, e anche oggi, sospese come ogni estate le udienze generali, ha partecipato all’intera riunione. Il Segretario di Stato, cardinale Pietro Parolin, è presente regolarmente alle riunioni, e il Pontefice ha stabilito che partecipi a pieno titolo al Consiglio, che ora conta dunque nove membri.

Tre sono stati i temi principali sinora affrontati. Il Consiglio si è infatti occupato di questioni relative al Governatorato dello Stato della Città del Vaticano, con l’aiuto in particolare del cardinale presidente Giuseppe Bertello. Quindi si è soffermato sul lavoro e sull’organizzazione della Segreteria di Stato, tema su cui è intervenuto il cardinale Parolin. Infine è stata approfondita la questione del nuovo assetto dell’Istituto per le opere di religione (Ior). Su questo tema hanno partecipato alle riunioni, in due tempi, anche i cardinali membri della commissione cardinalizia di vigilanza presenti a Roma (Santos Abril y Castelló, Thomas Collins, Jean-Louis Tauran, oltre a Pietro Parolin).

A proposito di notizie diffuse dai media in questi ultimi giorni, il direttore della Sala stampa della Santa Sede ha rilasciato la seguente dichiarazione: «Lo Ior si trova in un tempo di transizione e di sviluppo naturale e sereno. Il contributo del presidente Ernst von Freyberg continua a essere profondamente apprezzato e valutato molto positivamente. Ulteriori chiarificazioni sono possibili, anzi verosimili, la settimana prossima, dopo l’incontro del Consiglio per l’Economia, che avrà luogo sabato».

Padre Lombardi ha poi spiegato concisamente l’ordine del giorno del prossimo Consiglio dell’Economia, che tratterà degli statuti e del programma di lavoro, e che sarà informato sugli sviluppi relativi allo Ior e, da parte della Prefettura per gli affari economici, sul bilancio del 2013 e su quello di previsione per l’anno in corso. Il direttore della Sala stampa della Santa Sede ha anche annunciato che è possibile prevedere per la prossima settimana un’importante conferenza stampa durante la quale saranno presentati argomenti diversi, che attengono l’ambito delle competenze del Consiglio e della Segreteria per l’Economia, tra cui anche lo Ior.

Il Consiglio continua i lavori prendendo in considerazione e sviluppando sistematicamente le riflessioni già avviate sui diversi organismi della Curia romana.

————————————————————–

Laici e coppie in Curia, il Vaticano ne discute. «Clima cordiale tra papa e cardinali»

www.lettera43.it

Più forza a laici, donne e coppie nei dicasteri. Questa è la prospettiva per rendere la Chiesa più collegiale, emersa dalla quinta sessione del Consiglio dei cardinali con il papa per la riforma della Curia. Il Consiglio, coordinato dall’arcivescovo di Tegucigalpa Oscar Maradiaga e ormai chiamato C9 dopo l’acquisizione ufficiale del segretario di Stato Pietro Parolin, ha anche stabilito tre nuove date per i prossimi incontri: 15-17 settembre, 9-11 dicembre, 9-11 febbraio. E già questo conferma che la riforma è ancora in elaborazione, non c’è neppure una bozza di nuova costituzione, e i tempi per il varo si proiettano verso il 2015. Della possibilità di un maggior ruolo di laici, donne e coppie nei dicasteri pontifici si parla anche in relazione a accorpamenti e snellimenti dei ministeri di Famiglia, Laici, Giustizia e pace.

MAGGIOR PESO DEI LAICI

Sul nuovo assetto ancora non si è deciso, ma i cardinali confermano l’orientamento verso il maggior peso per i laici. L’esame dei dicasteri ha interessato Governatorato, Segreteria di Stato e poi via via gli altri. Il Consiglio ha lavorato inoltre sulle nunziature e il ruolo dei vescovi nella Chiesa, due temi di grande rilevanza, sui cui la riflessione è ancora in corso. A parte gli incontri dei primi giorni con la Commissione cardinalizia di vigilanza sullo Ior, il gruppo di consiglieri ha lavorato solo con il papa, presente questa volta all’intera sessione, grazie alla sospensione estiva delle udienze.

RIFORMA DIFFICILE

La riforma si conferma come non dietro l’angolo. Si è rivelata più difficile del previsto? è stato chiesto al portavoce Federico Lombardi. «Se c’è questa rappresentanza multicontinentale, paghi il prezzo che il lavoro non può avere ritmi stretti; può darsi – ha ipotizzato – che ci sia un aggiustamento naturale tra la problematica da affrontare e il ritmo che il gruppo riesce a sviluppare nel suo lavoro, e il metodo che utilizza. Non che ci sia la sorpresa di grandi problemi che non fossero conosciuti, quanto un gruppo che non esisteva, e che affronta una tematica di questa larghezza; in questo senso lo trovo abbastanza normale e naturale».

LE ‘3F’ DI LOMBARDI

Un cardinale di lingua inglese, racconta Lombardi, «mi ha parlato di ‘3f’ per descrivere il clima in cui lavora il C9 dei cardinali con il Papa: ‘free, frank and friendly’, mi è parsa una bella definizione che corrisponde alle facce che vedo quando li incontro all’uscita di lavori», ha detto Lombardi precisando di intendere frank nel senso di schietto. Il papa, ha aggiunto, si inserisce con naturalezza in questo clima di dialogo, favorendo la discussione, interloquendo, non con interventi di orientamento forte della conversazione; certo, ha aggiunto, sappiamo che si tratta di un Consiglio che propone, e il papa conserva tutta la libertà di decidere, però nella dinamica il papa si inserisce con molta naturalezza in questo dialogo, e si inserisce partecipando anche lui. Così papa Bergoglio cerca di costruire una Chiesa più sinodale.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.